Il Signore degli anelli di Tolkien: scheda libro

Appunto inviato da fenilxxx
/5

Il signore degli anelli di John Ronald Reuel Tolkien: scheda libro. Trama, commento e personaggi (9 pagine formato doc)

IL SIGNORE DEGLI ANELLI: SCHEDA LIBRO

Il Signore degli anelli di Tolkien.

Tre anelli al re degli Elfi sotto il cielo che risplende,
Sette ai principi dei Nani nelle lor rocche di pietra,
Nove agli Uomini Mortali che la triste morte attende,
Uno per l’Oscuro Sire chiuso nella reggia tetra
Nella terra di Mordor, dove l’Ombra nera scende.
Un Anello per domarli, Un Anello per trovarli,
Un Anello per ghermirli e nel buio incatenarli,
Nella terra di Mordor, dove l’Ombra nera scende.

Il signore degli anelli: scheda libro

TOLKIEN IL SIGNORE DEGLI ANELLI: TRAMA

Il Signore degli anelli di Tolkien: trama.

La scena si apre nella Contea, una terra di pace in cui vivono gli hobbit, i mezzouomini, il giorno del compleanno di Bilbo e Frodo Baggins.
Bilbo, di cui Frodo è il nipote adottivo, prepara una festa grandiosa con l’aiuto di un vecchio amico stregone, Gandalf, e, sempre con l’aiuto dell’amico, scompare e parte. Dietro al mistero della sua improvvisa scomparsa c’è la vicenda di un anello, trovato molti anni prima, che ha il potere di rendere invisibili. A fatica lo stregone convince Bilbo a lasciare a Frodo l’eredità del prezioso gioiello, poi entrambi partono per destinazioni diverse. Lo straordinario attaccamento del vecchio hobbit verso il gioiello, mette in allarme Gandalf che comincia ad indagare e scopre che in realtà Frodo e la Contea sono in pericolo come il resto dei territori: l’anello è stato forgiato da Sauron, sovrano rovesciato del Male, ed è proprio quello leggendario che conferisce potere all’Oscuro Sire. Non solo Sauron è alla ricerca del suo tesoro perduto, ma l’Anello stesso potrebbe essere un pericolo per Frodo a causa dell’irresistibile tentazione che esercita e del fatto che, se indossato a lungo, divora mente e corpo del Portatore, fino a tramutarlo in un’ombra al servizio del Male. Gandalf, in possesso di queste preziose informazioni, torna nella Contea e convince Frodo a partire, con una scusa, accompagnato da tre suoi amici: Sam, Pipino e Merry, cui però non dovrà dire il vero scopo della sua missione. Il viaggio, camuffato da visita di cortesia ad una lontana parente, potrebbe avere come destinazione il Monte Fato –nel cuore della terra di Sauron –per gettare nel fuoco del vulcano l’Anello...

IL SIGNORE DEGLI ANELLI: COMMENTO

Commento. L’Unico Anello è il simbolo del potere in tutta la sua manifesta diabolicità: nel momento in cui lo si possiede, si finisce schiavi della propria stessa posizione fino a non potervi più rinunciare in alcun modo. Chi si veste di questo potere, diventa invisibile –irraggiungibile –anche agli occhi degli amici più affezionati e la diffidenza, sempre innata in chi teme di essere derubato da qualcosa di molto prezioso, si trasforma in violenza capace di distruggere qualsiasi relazione umana.
L’Unico Anello del Potere, non a caso, è stato forgiato dal Male, Sauron, e necessita di una grande forza mentale per essere utilizzato; anche la mente più retta, però, rischia di esserne consumata perché il Potere, una volta creato, si autogestisce e sceglie autonomamente di passare da un portatore all’altro, tentando e usando le menti a suo piacimento. Gli altri anelli dipendono in parte dal potere centrale e ne sono completamente assoggettati, finché l’Unico si trova al dito di un individuo in grado di sfruttarne a pieno lo straordinario potere. Una volta distrutto l’anello più potente, gli altri diventano in parte meno prestigiosi, ma sicuramente più liberi. La rinuncia al male, quindi, senza dubbio toglie una parte di potenziale potere, ma conferisce la capacità di dominare quello che si ha, senza esserne soggiogati.

IL SIGNORE DEGLI ANELLI: PERSONAGGI

Personaggi. La scelta di rendere portatore dell’Anello Fodro, un hobbit, consente, seguendo la filosofia manzoniana, di coinvolgere gli “umili” nelle vicende dei potenti non come vittime, ma come personaggi di importanza capitale che, tramite la rinuncia del male, possono arrivare a modificare il corso della storia ribaltando i maligni disegni dei potenti.