La valle della paura: recensione

Appunto inviato da leonick98t
/5

La valle della paura: recensione libro, informazioni generali, trama, protagonisti e opinioni personali (2 pagine formato doc)

LA VALLE DELLA PAURA: RECENSIONE

Recensione “La valle della Paura”.
La valle della paura è un libro scritto da Arthur Conan Doyle e pubblicato nel 1915. È senza dubbio un romanzo giallo poliziesco. Il libro cui faccio riferimento è edito dalla Oscar Mondadori ed è stato tradotto da M. Gallone.
Arthur Conan Doyle è nato nel 1859 a Edimburgo (Scozia) e morto nel 1930 a Crowborough (Sussex, Inghilterra). Fu dottore, poeta e scrittore, e divenne famoso grazie alla saga di Sherlock Holmes, di cui fa parte anche questo libro.
Il libro è diviso in due parti, “La tragedia di Birlstone” e “I Vendicatori”.
 Ogni parte è divisa in sette capitoli.
Questa prima macrosequenza inizia con un messaggio cifrato inviato a Sherlock Holmes da un suo informatore, Fred Porlock, dal quale viene messo in allarme nei riguardi di un certo Douglas del castello di Birlstone. Appena decifrato il messaggio riceve la visita di MacDonald, poliziotto, che viene ad avvisarlo della morte, in circostanze misteriose, del signor Douglas. Holmes, Watson e MacDonald si recano così a Birlstone, dove hanno modo di analizzare la scena del delitto, e dove trovano un biglietto con scritto “V.V.341” e un fucile americano a canne mozze.

La valle della paura: recensione e trama


LA VALLE DELLA PAURA: TRAMA

Gli investigatori interrogano la moglie, l'amico Baker e la servitù del defunto. Dopo alcune indagini e diverse deduzioni Holmes riesce a risolvere il caso: il defunto non è Douglas, bensì un suo nemico, Ted Baldwin. Baldwin era arrivato in città per uccidere Douglas, ma era stato scoperto e, intrufolatosi nel castello, è stato ucciso da Douglas con la complicità della moglie e dell’amico. Douglas poi si era nascosto nelle stanze segrete del castello, facendo credere di essere morto. Quando viene scoperto, consegna a Holmes le sue memorie, scritte mentre era nascosto, che costituiscono la seconda macrosequenza del libro.