Il fu Mattia Pascal

Appunto inviato da alicecapitano
/5

scheda libro completa di descrizione di personaggi, luoghi e tempi delal storia, aspetti stilistici rilevanti e biografia dell'autore (0 pagine formato doc)

TITOLO DEL ROMANZO: “Il fu Mattia Pascal” Analisi del testo TITOLO DEL ROMANZO: “Il fu Mattia Pascal” AUTORE: Luigi Pirandello CASA EDITRICE: Arnoldo Mondadori DATA EDIZIONE CONSULTATA: 1999 DATA DI PUBBLICAZIONE DELLA PRIMA EDIZIONE: 1904 a Roma VITA E OPERE DI LUIGI PIRANDELLO: Luigi Pirandello nasce ad Agrigento nel 1867 da una famiglia benestante di tradizione patriottica e garibaldina.
Compie i suoi studi a Palermo e a Roma e si laurea in lettere presso l'università di Bonn (in Germania) nel 1891. Tornato in Italia nel 1892, prende residenza a Roma, dove trascorre poi gran parte della sua vita, collaborando a vari giornali tra cui il Corriere della Sera e riviste, e insegnando per oltre vent'anni letteratura italiana presso l'Istituto Superiore di Magistero Femminile (dal 1897 al 1922). Il dissesto finanziario causato dalla perdita della rendita di una miniera di zolfo (lascito paterno), lo costringerà a mettersi in concorrenza anche sul mercato editoriale vendendo le sue novelle e romanzi. Nel 1901 scrive il suo primo romanzo, L'esclusa.
Nel 1904 ha inizio una grave crisi mentale della moglie che costituisce per lo scrittore una vera e propria tragedia familiare e ciò eserciterà un enorme influsso sulla sua dolorosa concezione del mondo. Nello stesso anno pubblica il suo romanzo più famoso, Il fu Mattia Pascal; nel 1913 pubblica I vecchi e i giovani, nel 1925 i Quaderni di Serafino Gubbio operatore, nel 1926 Uno, nessuno, centomila. Negli anni del dopoguerra si dedica sempre più decisamente all'attività teatrale proponendo una serie di opere importanti come Il berretto a sonagli, Il piacere dell' onestà, Così è (se vi pare), Il giuoco delle parti; così che nel 1925 fonda a Roma il Teatro d'arte, dando vita - per alcuni anni- ad una propria compagnia drammatica. In politica, aderisce al partito fascista, non esprimendosi però mai apertamente su questo tema. Mussolini, gli fa costruire un teatro, a Roma, anche se non apprezza le sue opere (lontane anni luce dal trionfalismo del regime). Nel 1934, mentre si faceva sempre più largo e profondo l'interesse suscitato in tutto il mondo dalla sua opera teatrale, gli è conferito il Premio Nobel per la letteratura. Muore a Roma, in seguito ad un attacco di polmonite, nel 1936. Egli esprime la volontà di non essere sepolto, ma cremato dopo una breve e semplice cerimonia funebre e le sue ceneri sono tumulate sotto a un pino. GENERE LETTERARIO Romanzo psicologico PERSONAGGI L'opera di Pirandello è caratterizzata da una grande quantità di personaggi (almeno una trentina) tutti differenti tra loro e tutti con una diversa importanza nella vicenda. Ogni personaggio viene presentato da Mattia in modi diversi ma la descrizione iniziale è minima, spesso senza un accenno di aspetto fisico. Il carattere del personaggio che entra in scena si presenta da sé attraverso lo sviluppo della vicenda. Dalle sue azioni e dai dialoghi è possibile capire anche il suo modo di pensare. Infine si nota c