Il cane di terracotta di Andrea Camilleri: riassunto

Appunto inviato da bankes
/5

Il cane di terracotta: riassunto, personaggi, linguaggio, stile, punto di vista e commento personale del romanzo di Andrea Camilleri (4 pagine formato doc)

IL CANE DI TERRACOTTA: RIASSUNTO

Il cane di terracotta di Andrea Camilleri.

Riassunto. È un testo degno della miglior tradizione di narrativa gialla con suspence finale, che tratta di una complicata inchiesta svolta con maestria dall’ investigatore di Vigata, il famoso Salvo Montalbano.
All’inizio c’è un insolito colloquio tra il Commissario e “Tanu u grecu”, un vecchio capomafia da tempo latitante ed avviato ormai alla conclusione della sua carriera.
Il mafioso, temendo un probabile attentato alla sua vita, confessa la sua paura al commissario e lo invita a mettere in scena un arresto clamoroso, che mascheri la sua volontà di costituirsi alla giustizia.
Sullo sfondo del racconto c’è un notevole traffico d’armi al quale si arriva dopo una rapina ad un supermercato, ma in tale storia si incasella un avvenimento più avvincente che si scopre nel momento in cui il Commissario esplora una grotta del monte Crasticeddu, che funge da deposito di ordigni.
Attraverso un passaggio segreto Montalbano arriva ad un’altra grotta dove scopre i cadaveri di due giovani amanti, sorvegliati da un enorme cane di terracotta con le zampe anteriori distese, un vaso e un catino con monete antiche.
Si tratta di un duplice omicidio commesso cinquanta anni prima, durante la seconda guerra mondiale nei concitati giorni dello sbarco.
Il commissario deve decrittare il particolare ritrovamento che ai suoi occhi appare come la rappresentazione di uno strano rito, deve ricercare una verità ormai sbiadita e forse inafferrabile e per farlo si avvale di un colto gruppo di anziani del paese, del preside Burgio e della moglie di quest’ ultimo che scavando nella loro memoria riescono a fornire i tasselli giusti per ricostruire il mosaico completo.
Si scopre che quel terreno apparteneva all’ epoca alla famiglia di Lillo Rizzitano, amico di Burgio che frequentemente lo incontrava proprio in quella grotta.

La gita a Tindari di Andrea Camilleri: riassunto e scheda libro

IL CANE DI TERRACOTTA, RIASSUNTO DETTAGLIATO

Il preside racconta che il padre di Lillo teneva nella seconda grotta la merce, che durante la seconda guerra mondiale veniva rivenduta al mercato nero.
Lillo inoltre, al contrario dei suoi familiari, era colto e studioso, ma di lui dopo lo sbarco in Sicilia, non se ne seppe più nulla.

La moglie del preside racconta al commissario che in quegli anni vi fu la misteriosa scomparsa di una sua cara amica: Lisetta Moscato, la cugina di Lillo. Le due erano molto legate, e anche se la guerra le aveva tenute lontane esse si erano sempre tenute in contatto tramite lettere.
Dopo la guerra la signora Bugio contava di ritrovare dopo tanto tempo la sua amica, ma non fu così. Il padre di Lisetta le raccontò che era scappata con un soldato americano, ma lei non gli credette perché sapeva che Lisetta di una decisione così importante gliene avrebbe sicuramente parlato. Ma nella lettera successiva ricevette una foto di Lisetta col vestito da sposa in dosso, che Montalbano scoprirà essere solo un fotomontaggio.

RIASSUNTO LIBRO IL CANE DI TERRACOTTA

Ma nell’ultima vera lettera di Lisetta, alla signora Bugio, si parla di come suo padre le impedisse categoricamente di incontrarsi col suo innamorato.
Per approfondire l’argomento, Montalbano si reca a Serradifalco per incontrare il cugino di Lisetta, e qui scopre che Lisetta era già scomparsa da dieci giorni quando in paese arrivarono gli Americani e che quindi non poteva essere scappata con un soldato americano, però suo padre disse, all’ epoca, di averla ritrovata pochi giorno e che la fuga era stata solo una ragazzata.
Montalbano però è sempre più convinto però che anche se non americano, l’innamorato è sempre un soldato. Infatti in quegli anni nel porto di Vigata c’ era una nave militare ferma da alcuni anni e che un marinaio chiamato Mario Cunich era scomparso il 7 luglio del ’43. Il commissario viene a conoscenza del fatto che Mario Cunich aveva una fidanzata di nome Lisetta, e si convince del fatto che i corpi siano proprio dei due giovani.