LA CASA DEGLI SPIRITI [ALLENDE]

Appunto inviato da jessiginger
/5

Scheda del libro "La casa degli spiriti"di Allende composta da: titolo, editore, anno pubblicazione, riassunto dettagliato che sintetizza la intricata vicenda del racconto, complessa da riassumerre. (1 pagine formato doc)

IL BARONE RAMPANTE (Italo Calvino) LA CASA DEGLI SPIRITI (Isabel Allende) TITOLO: La casa degli spiriti AUTORE: Isabel Allende EDITORE: Universale Economica Feltrinelli (59° edizione) GENERE LETTERARIO: romanzo storico BREVE SINTESI: l'esteso romanzo dell'autrice contemporanea Isabel Allende, con il quale ha trovato la sua definitiva affermazione in ambito letterario, è una sorta di sua autobiografia (la si può infatti ritrovare nella figura di Alba) trasfigurata, tanto è vero che la maggior parte degli eventi sono chiaramente frutto della sua immaginazione di autrice e non certo della sua esperienza di vita.
Ma comunque il libro nasce da fatti realmente accaduti che l'hanno vista vivere con due donne straordinarie, come sua madre e sua nonna e assistere al colpo di stato di Pinochet in Cile.
La vicenda è stata però da lei “trasportata” nella sua città natale: Lima, ma rappresenta accadimenti cileni. Gli avvenimenti narrati si estendono per un lungo lasso di tempo, dagli inizi del Novecento, fino agli anni settanta dello stesso secolo. Vengono descritti, alternativamente da un narratore esterno e occulto o da uno dei protagonisti del romanzo (forse il protagonista), Esteban Trueba, gli accadimenti di una generazione di persone appartenenti ad una classe sociale agiata. I fatti non vengono presentati nell'ordine cronologico in cui sono avvenuti, ma per associazione mentale, così come li aveva ordinati colei che ha consentito che tutte queste vicende non andassero perdute: Clara, che aveva sempre riportato su suoi quaderni ciò che avveniva attorno a sé, sin dalla più tenera infanzia; quei quaderni che, una volta passati in mano alla nipote, aveva fatto in modo che i ricordi non si cancellassero con l'azione del tempo, che lei aveva sempre vinto, grazie ai suoi poteri soprannaturali, alle sue premonizioni e alla sua capacità di conoscere passato e futuro oltre che di parlare con spiriti e extraterrestri. Il romanzo è composto da racconti di aneddoti, spesso divertenti, ma sovente anche dolorosi, da immagini forti, di violenza, ma anche di grande smisurato amore tra persone che razionalmente non avrebbero nulla da amare nell'altro. Il romanzo si apre con Clara, la chiaroveggente, colei in grado di conoscere il futuro, di comunicare con le anime, ma anche di decidere di non parlare per una decina d'anni, molto piccola, e si chiude con sua nipote, che parla di lei e spiega l'intento di sua nonna quando scriveva ciò che le capitava: non cancellare i ricordi. E per lo stesso motivo, lo spirito di Clara appare ad Alba, rinchiusa in una cella dai militari (durante la dittatura), per invitarla a non lasciarsi morire, ma a vivere fino in fondo per poter portare a chi non vuole sapere, per paura o per viltà, quello che è stato compiuto, è stato indiscutibilmente compiuto, da una dittatura militare, che è salita al potere illegalmente, con un colpo di stato, della cui inutilità e gravità si rende conto anche Trueba, il più convinto conservatore de