Scheda libro de I ragazzi della via Pal

Appunto inviato da semolino0536
/5

I ragazzi della via Pal di Ferenc Molnàr: personaggi, trama e commento personale (3 pagine formato doc)

I RAGAZZI DELLA VIA PAL: SCHEDA LIBRO

I ragazzi della via Pàl.


1) Nome dell’autore: Ferenc Molnár.
2) Titolo del libro: I ragazzi della via Pál.
3) Casa editrice: Juvenilia
4) Anno di pubblicazione: 1996
5) Genere del libro: Drammatico
6) Ambiente: Budapest
7) Tempo: Le vicende si svolgono in un’epoca più o meno contemporanea e certamente reale, non fantastica. Siamo comunque nel ‘900.

I ragazzi della via Pal: scheda libro

I RAGAZZI DELLA VIA PAL: PERSONAGGI

8) Personaggi:
a) I protagonisti.

Giovanni Boka. È il più saggio fra i componenti della banda. Giovanni sa prendere decisioni, è capace di organizzare un piano, è prudente ed equilibrato. Trasmette sicurezza ai ragazzi che lo riconoscono come capo. Per quanto riguarda il fisico, l’autore non ne parla molto, accenna solo al tono della sua voce in quanto molto vicino a quello di un adulto.
Ernesto Nemecsek. È molto spesso incompreso e spesso perseguitato, ma troverà in Boka un amico di cui fidarsi sempre e gli vorrà profondamente bene. Ernesto viene da una famiglia povera, come quasi tutti i ragazzi di via Pál, ma è nobile e valoroso,  sincero e coraggioso. Sa sacrificarsi ed è uno dei veri eroi della vicenda. Fisicamente è biondo, delicato, magro e piccolo.
b) Personaggi secondari. Paolo Kolnay. È anche lui un componente della Società dello stucco ed accuserà per primo Nemecsek di tradimento. In realtà, dopo, in sostituzione di Nemecsek come aiutante di campo, si rivelerà coraggioso e fedele . Non va d’accordo con Barabàs e a volte vengono anche alle mani. Alla fine del libro si riconcilieranno. Fisicamente non è descritto in alcun modo.
Feri Ats. Feri Ats è pieno di dignità ed apprezza il coraggio di Nemecsek quando va a dare una lezione a Geréb, ma ciò non gli impedisce di farlo gettare nel laghetto. È un ragazzo fiero e forte. Le Camicie rosse si chiamano così perché lui è solito indossare appunto una camicia rossa e gli altri lo copiano.

I RAGAZZI DELLA VIA PAL: TRAMA

9) Sintesi del racconto. Siamo a Budapest, dove un’area di “terreno fabbricabile” fra la via Pál e la segheria a vapore di via Maria è la sede di un gruppo di ragazzi studenti del ginnasio. A capo del gruppo c’è Giovanni Boka, il più saggio, mentre tutti gli altri sono tenenti,sottotenenti o capitani ad eccezione di Ernesto Nemecsek, soldato semplice. Quest’area è l’unica disponibile e fa gola ai ragazzi più ricchi che giocano nell’Orto botanico, le Camicie rosse guidate dall’avversario di Boka, Feri Ats. Questi ruba la bandiera da una delle fortezze dei ragazzi di via Pàl e a quel punto Boka, Nemecsek e Csònakos organizzano una spedizione per riprenderla. Durante la spedizione, piena di colpi di scena ed imprevisti, il piccolo Nemecsek cade accidentalmente nel laghetto, prendendosi un gran raffreddore. Poco dopo lui e Boka scoprono il tradimento di Desiderio Geréb, un loro compagno, geloso del fatto che Boka stesso lo aveva sconfitto nell'elezione a comandante. Nel frattempo, però, il raffreddore di Nemecsek peggiora, ma  va di nascosto all’Orto botanico per parlare con Geréb che, nonostante sembri rimanere indifferente, si pente di aver tradito i suoi compagni. Purtroppo Nemecsek viene scaraventato nel laghetto dalle Camicie Rosse e questo peggiora ancora più le sue condizioni di salute. Mentre i ragazzi di via Pál organizzano la difesa per la battaglia, Geréb, pentito, ritorna e implora Boka di perdonarlo; Boka, però, rifiuta, perché non ha dimenticato il suo tradimento e lo lascia in lacrime. Il signor Geréb, visto il figlio disperato, va al campo per sapere la verità e i membri della Società dello Stucco scaricano la colpa su Nemecsek, che, gravemente malato, fatica a stare in piedi.