La metamorfosi di Kafka

Appunto inviato da maxan
/5

Scheda del libro molto accurata. ( 6 pag - formato word ) (0 pagine formato doc)

Dario Massano Classe 4ªB Dario Massano Classe 4ªB Liceo Scientifico di Carignano 13/07/'00 AUTORE: Franz Kafka TITOLO: La metamorfosi CASA EDITRICE: Mondadori ANNO: 1994 Una mattina, al suo risveglio, Gregor Samsa destandosi si trova trasformato in un insetto.
Dopo aver osservato il suo nuovo e ripugnante corpo, egli si ricorda i propri impegni di lavoro (è un commesso viaggiatore) e si accorge di essere in ritardo; non è ancora sceso dal letto che i genitori e la sorella Grete bussano alle porte delle stanze attigue alla sua per richiamarlo all'ordine. Le porte sono chiuse a chiave, nessuno può entrare; tuttavia Gregor, anche se malvolentieri, è costretto a scendere e aprire quando a chiamarlo è il procuratore della sua azienda, accorso per assicurarsi che il suo dipendente abbia una scusa sufficiente.
Gregor ha ormai accettato la sua condizione e nella speranza che gli altri facciano la stessa cosa, spalanca faticosamente la porta, ma immediatamente tutti gli altri scappano alla sua vista; dopo lo sconcerto il padre impugna un bastone e ricaccia lo scarafaggio gigante nella stanza da letto. Questo rimane incastrato tra gli stipiti della porta e riceve una violenta pedata che lo ferisce su un fianco, ma che lo conduce finalmente al sicuro. Destatosi, Gregor trova del latte in una ciotola: subito si getta su quel cibo prelibato, ma resta deluso di non riuscire a berlo, disgustato. Inizia così la lunga prigionia di Gregor, che chiuso in camera origlia i discorsi dei genitori ed ha solo il conforto di vedere la sorella Grete, l'unica ad occuparsi di lui, portandogli del cibo e riordinando la sua stanza. Presto l'intera famiglia deve trovare un lavoro per mantenersi, poiché è venuto meno l'apporto economico di Gregor, che prima era fondamentale. Gregor si nasconde con un lenzuolo sotto il divano per non spaventare sua sorella; questa ricambia la cortesia organizzando il trasloco dei mobili della camera, per permettergli di muoversi liberamente sui muri e sul soffitto. Gregor si oppone però allo spostamento di un quadro che ritrae al sua fidanzata, appiccicandovisi sopra. La madre lo scorge e sviene, così sopraggiunge il padre e punisce il parassita scagliandogli addosso con brutale violenza alcune mele. Una di esse si conficca nel dorso di Gregor, che ferito gravemente si rifugia stordito nella sua tana. La famiglia disgraziata conduce una vita sempre più faticosa e annoiante; ben presto la sorella perde la pazienza e nega le cure all'insetto, il quale da qualche tempo non tocca più cibo. Entrano in scena nuovi personaggi: una vecchia donna per le pulizie, che deride bonariamente lo scarafaggio, e tre affittuari, che sono molto esigenti nei confronti dei padroni di casa. Una sera essi cenano nel salotto attiguo alla camera di Gregor che esce dalla porta e li spia incuriosito. Terminato il pasto, gli ospiti si fermano ad ascoltare Grete alle prese con il violino; lo scarafaggio è sempre più interessato alla musica e si espone, invece gli ospiti, che