La coscienza di Zeno, trama capitoli

Appunto inviato da fra82
/5

Notizie sull'autore, trama, analisi e personaggi del romanzo La coscienza di Zeno di Italo Svevo.( 3 pag - formato word) (0 pagine formato doc)

ITALO SVEVO LA COSCIENZA DI ZENO

La coscienza di Zeno di Svevo.

Periodo storico in cui si svolgono i fatti: L'opera La coscienza di Zeno di Italo Svevo è ambientata a cavallo tra l'Ottocento e il Novecento. Il legame tra la fabula e il contasto storico non è mai particolarmente importante; al contrario, si evidenza nell'ultima parte, dove si fanno espliciti i riferimenti alla Prima Guerra Mondiale oppure nell'episodio della morte del padre, quando cioè viene espressa la data dell'evento.

LA COSCIENZA DI ZENO, AMBIENTAZIONE

Il romanzo La coscienza di Zeno è ambientato nella città di Trieste, dove tra l'altro l'autore è nato e ha vissuto buona parte della sua esistenza.

Le descrizioni del paesaggio sono assai rare e, della Trieste di inizio Novecento, vengono colti solo alcuni posti ben precisi: il porto, il mare, il parco e le aggrovigliate strade del centro. D'altra parte, nell'opera, sono gli ambienti interni a predominare: si passa dall'abitazione di Zeno a quella della famiglia di Ada e dal modesto appartamento di Carla all'ufficio di Guido.

LA COSCIENZA DI ZENO RIASSUNTO

Il romanzo si apre con un breve scritto dello psicologo che curò Zeno: egli spiega di aver consigliato al suo anziano paziente di scrivere la propria autobiografia. In seguito, egli stesso ha finito col pubblicarla, per vendetta, e precisa anche che è disposto a dividere con Zeno quello che guadagnerà, a patto che quest'ultimo riprenda la sua consueta terapia.

Adesso, è Zeno Cosini a scrivere: si domanda perchè debba farlo e come ciò lo possa far sentire meglio. Così, dopo aver pranzato, resta con un foglio di carta ed una matita in mano, provando a ripensare ai ricordi. Tuttavia, sembra non trovarne alcuno e, quindi, conclude con la frase: "Ritenterò domani".3-il fumoIl dottore aveva consigliato a Zeno di iniziare il suo diario parlando del fumo che non era mai riuscito ad eliminare dalla propria vita. Non che non ci avesse provato o che gli mancassero buoni propositi: semplicemente, ogni volta che fissava una data che segnasse un cambiamento così radicale nella propria vita, subito ne trovava una migliore e più importante, nella quale sarebbe dovuto avvenire il fatidico cambiamento. Così, di volta in volta, non faceva che rimandare, tanto che, mentre scrive, Zeno sta ancora fumando quella che pensa debba essere la sua ultima sigaretta, cosa che ha la proprietà di conferirle un gusto più intenso.

La coscienza di Zeno: riassunto per capitoli

LA COSCIENZA DI ZENO: IL RUOLO DELLA PSICOANALISI

A nulla servirono altri molteplici tentativi: Zeno si fece addirittura ricoverare in una casa di salute, di un certo dottor Muli. Tuttavia, ben presto anche questo tentativo si rivelò del tutto vano. Infatti, Zeno aveva portato con sè qualche sigaretta, perchè voleva smettere di fumare a mezzanotte precisa; dopo quelle, era riuscito però a procurarsene altre, grazie alla complicità di Giovanna, l'infermiera destinata alla sua sorveglianza. Anzi, dopo che i due si furono ubriacati con una bottiglia di cognac, la donna si dimenticò di chiudere a chiave la porta, che doveva impedire al paziante di uscire. Così, Zeno riuscì a scappare e, la mattina segu