Il fu Mattia Pascal di Luigi Pirandello: scheda libro

Appunto inviato da chy1305
/5

Il fu Mattia Pascal: scheda libro che comprende riassunto, spazio narrativo, tempo, personaggi, narratore, principali temi affrontati, struttura sintattica, lessico, significato del titolo, stile e osservazioni personali (3 pagine formato doc)

IL FU MATTIA PASCAL: SCHEDA LIBRO

Il fu Mattia Pascal
Scheda libro
Autore: Luigi Pirandello
Titolo: Il fu Mattia Pascal
Prima pubblicazione: 1904
Casa editrice: Garzanti, Milano
Data dell’edizione: 1994

Il fu Mattia Pascal: scheda libro

IL FU MATTIA PASCAL: SIGNIFICATO

Significato del titolo: Il titolo significa che Mattia, dopo aver cercato di vivere una vita diversa, ne ha scoperto l’impossibilità e non è riuscito neppure a riprendere quella di una volta.

Scheda libro Il fu Mattia Pascal di Pirandello

IL FU MATTIA PASCAL: RIASSUNTO DETTAGLIATO

Intreccio: Mattia Pascal, timido provinciale, si allontana da casa dopo una delle solite liti con la moglie Romilda e la suocera Marianna Pescatore e, arrivato a Montecarlo, vince, giocando a caso, diverse decine di migliaia di lire.

Il possesso di questa grossa somma e la lettura di una notizia di cronaca che annunzia la sua morte, (si tratta dell'erronea identificazione del cadavere di un disperato che s'è ucciso buttandosi in un pozzo) lo spingono a simulare davvero la morte, e a tentare di cominciare una nuova vita.
Mattia Pascal diventa così Adriano Meis, e va a stabilirsi a Roma, in una curiosa pensione di famiglia, tenuta dal signor Anselmo Paleari e dalla figlia Adriana, ma dominata da un tale Terenzio Papiano, vedovo di un'altra figlia del Paleari, un furfante spregiudicato e pericoloso. Nella casa vivono anche un fratello di Terenzio, Scipione, mezzo epilettico e mezzo ladro, e una pensionante, Silvia Caporale, maestrina di musica. Sono questi i personaggi che cominciano a ricreare attorno a Mattia la vita sociale alla quale egli aveva pensato di sfuggire. Alla fine il protagonista, non potendo liberarsi altrimenti dalla nuova realtà cresciutagli intorno se non "morendo " di nuovo, decide di uccidere Adriano Meis e di riprendere la sua antica personalità di Mattia Pascal. Così ritorna al paese, trova la moglie sposata a un suo antico innamorato e con una figlioletta, si rifiuta di riprendere il suo posto nella vita civile e familiare, rimane il fu Mattia Pascal che ogni tanto si reca a visitare, fra la curiosità beffarda dei concittadini, la propria tomba.

Un'altra scheda libro de Il fu Mattia Pascal

IL FU MATTIA PASCAL: TEMI

Spazio narrativo: Lo spazio del racconto è in parte immaginario e in parte reale, un paesino della Liguria di nome Miragno, Montecarlo e Roma. L’ambiente sociale è quello della piccola borghesia.
Tempo:
•    EPOCA STORICA:
Non vi sono riferimenti all'epoca storica d'ambientazione, ma essa si dovrebbe collocare negli anni contemporanei alla vita dell'autore, tra fine ottocento e primi del novecento.
•    DURATA COMPLESSIVA:
Non si può definire una precisa durata del racconto che comunque occupa uno spazio di alcuni anni.
•    RIFLESSIONE SUI RAPPORTI SU TEMPO REALE E TEMPO NARRATIVO:
La narrazione è una ricostruzione della vicenda immaginaria avvenuta a Mattia. Alcuni eventi acquistano particolare rilievo e durata narrativa, mentre le vicende di anni vengono riassunte nell’arco di poche pagine. E’ un romanzo psicologico che dà particolare risalto al risvolto soggettivo con cui vengono vissute le vicende.