La giornata d'uno scrutatore: analisi e riassunto

Appunto inviato da mauceri
/5

La giornata d'uno scrutatore di Italo Calvino: analisi dettagliata, personaggi, stile, tematiche e commento (5 pagine formato doc)

LA GIORNATA D'UNO SCRUTATORE: ANALISI DETTAGLIATA

Scheda di analisi La giornata d'uno scrutatore di Italo Calvino.
Lettura strutturale (analisi dell’opera in sé)
1)    Coordinate spaziali e temporali:
a)    Dove è ambientato il racconto? Lo spunto del romanzo è stato offerto da un'esperienza che Calvino ha vissuto durante le elezioni politiche del 1953 presso l'Istituto Cottolengo di Torino.

L’enorme ospizio dava asilo a minorati psichici e creature deformi; era stato fondato tra il 1832 ed il 1842 da un semplice prete il cui cognome di origine campagnola sarebbe diventato, nel gergo popolare, sinonimo di deficiente o idiota.
b)    Quando si svolge? Il romanzo si svolge in un solo giorno: il sette giugno del 1953.
c)    Tempo e luogo sono espliciti o devono essere dedotti dal lettore? Il tempo ed il luogo sono riferiti in maniera precisa dall’autore durante il corso della narrazione degli eventi.
d)    Ci sono molte descrizioni dell’ambiente? Quali sono le più significative? Considerando che il libro non è particolarmente lungo, sono presenti frequenti descrizioni dell’ambiente.
In particolare si riferiscono all’edificio del Cottolengo che, oltre ad essere descritto nel suo interno, viene anche ubicato all’interno di un quartiere di Torino. Infatti l’autore riferisce che l’istituto si estendeva tra quartieri popolari e poveri, occupava la superficie di un intero quartiere e comprendeva un insieme di asili, di ospedali, di scuole e conventi. Come sottolinea Calvino era “una città nella città, cinta da mura e soggetta ad altre regole”.

Il barone rampante di Italo Calvino: riassunto, commento e significato

LA GIORNATA D'UNO SCRUTATORE: PERSONAGGI

2)    Personaggi:
a)    Costruisci il sistema dei personaggi secondo le seguenti indicazioni (Propp): Protagonista\i, antagonista\i, aiutanti, oggetto del desiderio. Il protagonista del romanzo è Amerigo Ormea, scrutatore alle elezioni politiche in questione. Insieme a lui ci sono altre persone che svolgono il suo stesso compito: due donne, un presidente ed un altro scrutatore, definito dall’autore “lo smilzo”. La donna con la blusa bianca e con “un’aria da maestra elementare” appartiene, come pure il presidente e lo smilzo, alla Democrazia Cristiana, per cui risulta essere l’antagonista di Amerigo, essendo egli comunista. Per quanto concerne gli aiutanti del protagonista, essi sono: la ragazza dal golf arancione, la suora, l’anziano contadino e la fidanzata. La prima lo appoggia nelle questioni politiche, essendo anche lei appartenente al partito comunista.

LA GIORNATA D'UNO SCRUTATORE: RIASSUNTO DETTAGLIATO

La suora e l’anziano contadino, padre di un ricoverato, lo aiutano facendogli capire la vera essenza dell’amore. Anche la figura della fidanzata concorre a far comprendere ad Amerigo che il legame che li congiunge è importante e profondo come quello che unisce la suora ed il contadino ai minorati. L’oggetto del desiderio è rappresentato dall’intenzione di far svolgere in maniera corretta le elezioni, nel rispetto della democrazia.