Recensione de Il barone rampante

Appunto inviato da ansa89
/5

Piccola recensione e commenti del libro "Il barone rampante" di Calvino. (1 pagine formato doc)

Recensione di “Il barone rampante” Recensione de “Il barone rampante” Le pagine de “Il barone rampante” sono riportate con gli occhi del fratello minore, Biagio.
Dopo il litigio, la vita del protagonista si svolgerà sempre sugli alberi, prima del giardino di famiglia e, in seguito, nei boschi del circondario, inframmezzati da parentesi in terre lontane seppur collegate per “via vegetale” alla tenuta del barone (Francia). Durante questi viaggi Cosimo conoscerà degli esiliati spagnoli e si innamorerà di Ursula che però, terminato l'esilio, ritornerà in Spagna mettendo fine alla loro storia. Cosimo è forte, testardo, introverso e scontroso ma onesto e dotato di forza di volontà, fatto che gli consente di non venire mai meno ai propri ideali.
Mantiene una normale vita di relazione, prosegue gli studi, impara a cacciare, consolida amicizie e segue la vita di famiglia. Ciò contribuisce sensibilmente a renderlo strano ma anche affascinante agli occhi della società. La sua fama si diffonde con rapidità e toni impensabili per l'epoca d'ambientazione del racconto. Se all'inizio Cosimo diviene famoso come fenomeno da baraccone e la sua famiglia quasi se ne vergogna, in seguito interagisce anche con personaggi come Diderot, Rousseau, Napoleone e lo Zar di Russia, stratagemma che Calvino usa probabilmente per conferire dignità e importanza a un personaggio in parte autobiografico. Cosimo scrive anche un “Progetto di Costituzione di uno Stato ideale fondato sugli alberi”, opera che contribuisce alla fama e al rispetto di cui sopra. Il ritorno di Viola, suo primo amore, fa esplodere un sentimento reciproco in realtà sempre esistito, che si concluderà drammaticamente per una serie di equivoci e cose non dette. La morte di Cosimo non viene descritta, vecchio e stanco, un giorno si aggrappa a una mongolfiera di passaggio scomparendo nel nulla. I personaggi più importanti che lo affiancano, oltre ai componenti della famiglia, sono: Viola d'Ondariva, bellissima smorfiosetta che si “impossessa” del suo cuore fin dalla più tenera età, il cane Ottimo Massimo, bastardino ricordo di Viola e inseparabile compagno di caccia, il brigante Gian dei Brughi che Cosimo inizia ai piaceri della lettura, l'abate tutore Fauchelafleur e il Cavalier Avvocato. Esistono sicuramente dei paralleli con “Il visconte dimezzato”: la leggerezza del linguaggio, lo sguardo ironico che impedisce anche ai momenti drammatici di gettare un'ombra triste sull'opera, l'ambiguità dei personaggi, siano essi protagonisti principali o comparse relegate a ruoli di secondo piano, che Calvino mette in luce: il barone Cosimo, nobile che vive sugli alberi come un selvaggio, la nobile Viola che alimenta il suo rapporto amoroso ingelosendo l'amato e non preoccupandosi della reputazione che ne deriva presso le corti europee, i suoi due spasimanti, valorosi e coraggiosi guerrieri, ma zuccherosi e ridicoli come pretendenti. Particol