La sposa normanna: recensione

Appunto inviato da domega
/5

La sposa normanna: recensione, riassunto e analisi del romanzo storico di Carla Maria Russo (2 pagine formato doc)

LA SPOSA NORMANNA RECENSIONE

Titolo: La Sposa Normanna
Autore: Carla Maria Russo
Editore: Piemme
L’autrice Carla Maria Russo si impegna con “la sposa normanna”  nella composizione del suo primo romanzo storico.

Ispirata dalla lettura della Divina Commedia, che le ha aperto una finestra sul mondo medievale dantesco, ha scelto come protagonista del suo romanzo Costanza d’Altavilla, alla quale Dante dedica alcuni versi.
Il romanzo, pubblicato nel 2004 edito da Piemme, comincia nel 1185 a Palermo, dal momento in cui Costanza d’Altavilla, ultima erede della dinastia normanna che guida il Regno di Sicilia, è costretta a rinnegare i voti monacali e rientrare a corte.
A Costanza trentenne, zia del re, viene perciò affidato il futuro della dinastia: dovrà convolare a nozze con Enrico di Svevia, il giovane figlio dell’Imperatore Federico il Barbarossa.

Romanzo storico: caratteristiche e autori

RECENSIONE DEL LIBRO LA SPOSA NORMANNA

Un matrimonio dettato dalla ragion di Stato che dovrà essere coronato dal concepimento di un erede.

Ma questo matrimonio, spinto dall’Imperatore e da De Mill, consigliere del re Guglielmo, è visto come una minaccia da gran parte dei baroni normanni; ad osteggiarlo c’è anche il Papato che attraverso il suo inviato il perfido Gualtieri di Palearia, cercherà di impedire la creazione di un potere enorme con l’unione delle due corone.

La bella Costanza si ritrova sposa di un diciannovenne rozzo, autoritario e collerico; deve lottare contro molti nemici ma soprattutto contro Gualtieri di Paleria che cercherà, con ogni mezzo, di distruggerla per mantenere la propria influenza. Dopo una serie di difficoltà Costanza riesce a concepire il figlio tanto desiderato. Intraprende così un viaggio per raggiungere il marito che era partito alla volta della Sicilia per sedare la rivolta dei baroni normanni affinché potesse vedere con i suoi occhi la nascita dell’erede al trono. Bellissima la scena del parto nella piazza di Iesi, dove la regina fa allestire una grande tenda da campo e richiede che tutte le donne del paese assistano in qualità di testimoni.

LA SPOSA NORMANNA RIASSUNTO COMPLETO

Quando finalmente il piccolo Federico vede la luce, la madre fa di tutto per proteggerlo dalle insidie e dagli intrighi che lo minacciano ma alla sola età di tre anni ella muore. Viene protetto e allevato nei vicoli e nelle case dei più poveri in  una Palermo tollerante, crogiuolo di razze e culture unite tutte dalla fedeltà agli Altavilla.
A 14 anni decide che è tempo di presentarsi a Palazzo e di prendere il potere rivelando le doti che faranno di lui un grande imperatore. E così si chiude il romanzo dedicato ad una figura femminile forte e affascinante come Costanza della dinastia normanna degli Altavilla e che introduce la figura del grande imperatore Federico II il cui regno fu principalmente caratterizzato da una forte attività legislativa e di innovazione artistica e culturale. Egli stesso fu un apprezzabile letterato e la sua corte fu luogo di incontro fra le culture greca, latina, araba ed ebraica.