domande sul "Principe" di Machiavelli

Appunto inviato da lunanera555
/5

Domande approfondite sul "Principe" di Machiavelli (3 pagine formato doc)

DOMANDE MACHIAVELLI DOMANDE MACHIAVELLI 1.In questo capitolo l'autore affronta il problema delle difficoltà che si presentano nel momento in cui si conquistano regioni diverse per lingua, costumi ed istituzioni.Una soluzione efficace a questa problematica ,secondo Machiavelli, è quella di stabilire colonie,in quanto esse dovrebbero quasi aver la funzione di mantenere quello stato più controllato e coeso.
I vantaggi dell'istituzione delle colonie sono molteplici : innanzitutto esse richiedono poca o magari nessuna spesa,in secondo luogo danneggiano soltanto coloro ai quali vengono tolti i terreni ,ma essi costituiscono una piccola parte della popolazione e quindi non posso nuocere,ed infine sono più fedeli,in quanto la restante parte della popolazione da un lato accetta questa nuova situazione poiché non ne viene danneggiata e dall'altro è timorosa di poter essere privata dei propri possedimenti nel caso in cui vengano commessi errori. Nonostante le colonie possano assicurare al principe un buon controllo dello Stato ,tuttavia egli deve evitare in tutti modi che in esso penetri uno straniero potente che potrebbe allearsi con i malcontenti di quella regione.
Un esempio significativo di un popolo che ,nelle regioni conquistate,applicò tutti questi accorgimenti fu quello dei Romani.Essi infatti istituirono colonie,tennero a bada i meno potenti,abbatterono i potenti e impedirono agli stranieri di minacciare le loro conquiste. Inoltre i romani fecero in questi casi quello che tutti i principi saggi avrebbero fatto. Considerare non soltanto gli ostacoli presenti ,ma anche i futuri, per contrastarli con ogni mezzo.Infatti i problemi di uno stato per poter essere risolti devono essere riconosciuti immediatamente ,perché se vengono fatti crescere fino al punto che ognuno li conosca non c'è più rimedio. 2. Machiavelli utilizza questa frase per esprimere la sua posizione per quanto riguarda il modo migliore per conquistare e mantenere uno stato “nuovo”,sia per dinastia sia per tipo di governo.Egli è fermamente convinto .Come si può capire dalla frase stessa,che l'utilizzo della forza sia un componente indispensabile dell'azione politica e che quindi un principe possa arrivare a conseguire e a mantenere potere politico solo attraverso la forza armata. E' famoso il giudizio di Machiavelli su Gerolamo Savonarola, prototipo dei “profeti disarmati”.L'autore giudica negativamente il teologo domenicano in quanto egli non fece mai ricorso all'uso della forza nei confronti del popolo e ne fu quindi sopraffatto. 3.Nel nono capitolo l'autore espone la sua idea in merito al modo con cui il principe dovrebbe porsi nei confronti del popolo.Egli distingue due diversi casi: colore che riescono a raggiungere il potere con l'aiuto del popolo,e color che invece ,contro il popolo, diventano principi con l'aiuto dei nobili. Nel primo caso il consiglio che egli da al principe è quello di conservarsi il popolo amico ,,cosa che non dovrebbe riassaltargli di