Saggio sul campionamento delle acque potabili

Appunto inviato da gabrock
/5

Saggio semplice sul campionamento delle acque potabili per analisi chimico-fisiche e microbiologiche. Il documento contiene i cenni basilari e le principali problematiche da affrontare (5 pagine formato docx)

Per acque potabili si intendono le acque destinate al consumo diretto e indiretto, che, per la loro composizione chimica, per le loro caratteristiche fisiche, chimico-fisiche, organolettiche, siano ben tollerate, ed accettate dall'organismo umano, e le cui caratteristiche microbiologiche e chimiche siano tali da escludere che possano divenire veicolo di malattie infettive.
Rientrano in questa categoria quindi le acque di acquedotti, falda, bottiglia, e delle acque superficiali direttamente prelevabili dagli utenti.
Il campionamento delle acque potabili
Al fine di verificare la possibilità di utilizzo delle acque per il consumo umano è necessario verificare le proprietà fisico-chimiche e le caratteristiche microbiologiche e quindi verificare la compatiblità con la normativa vigente.


Per verificare la possibilità di utilizzo è necessario prelevare un campione da analizzare che sia quanto più possibile rappresentativo, ovvero deve rappresentare nella maniera più accurata possibile l’acqua che deve essere analizzata.
Il campione non deve subire alterazioni nel trasferimento tra il punto di prelievo e il laboratorio di analisi.
Inoltre è necessario assicurarsi prima del prelievo del campione l’assenza di agenti inquinanti e ristagni, o in genere di qualunque fattore che possa influenzare il campione. 
Il prelievo del campione è una parte fondamentale dell’analisi. Infatti contaminazioni del campione prelevato o il prelevamento di un campione non rappresentativo influiscono sull’esito delle analisi. Potrebbe essere valutata come potabile un acqua non potabile o viceversa.


Per permettere un’interpretazione di alcuni risultati che potrebbero essere ottenuti attraverso le analisi dei campioni, durante il campionamento è opportuno ricavare quante più notizie possibili riguardanti il campione prelevato. Ad esempio la tipologia e il materiale di cui è composto il rubinetto usato per il prelievo, o le tubature, o ancora le valvole.