Gli scostamenti e il personale

Appunto inviato da xxxelena87xxx
/5

Tema in preparazione alla maturità (3 pagine formato doc)

Gli scostamenti sono differenze tra dati ipotetici e dati effettivi: essi assumono carattere diverso a seconda della “composiz Gli scostamenti sono differenze tra dati ipotetici e dati effettivi: essi assumono carattere diverso a seconda della “composizione” dei dati tra cui è effettuato il confronto e a seconda dei caratteri dei medesimi dati.
Una particolare classe di dati ipotetici è rappresentato dai dati programmati, ossia dai dati utilizzati nell'ambito del sistema dei budget (programmazione operativa). Il budget che tipicamente comporta la rilevazione e l'analisi di scostamenti è il budget economico, ossia il preventivo programmatico dell'esercizio, in cui si impiega largamente la tecnica dei costi standard. Osserviamo che i costi standard possono essere impiegati anche al di fuori del budget, ad es.
in sede di contabilità analitica o di contabilità industriale: non c'è perciò coincidenza tra costi standard e costi programmati. Tuttavia convenzionalmente ci si riferisce ai costi di budget con la denominazione di costi standard: occorre intendere che si sono applicati gli standard alla redazione del budget, conferendo ad essi, così, un carattere che va al di là di quello di puro preventivo. Essendo delle differenze tra dati economici espressi in numeri, gli scostamenti avranno un segno aritmetico, positivo o negativo. per indicare la valenza economica si usano i termini: scostamento favorevole, quando il dato effettivo è “migliore” di quello programmato; scostamento sfavorevole, quando il dato effettivo è “peggiore” di quello programmato. I segni aritmetici sono utili ai fini del “riscontro” tra scostamenti, poiché essi hanno relazioni che li collegano.. Possiamo classificare gli scostamenti principalmente secondo due criteri: a seconda del grado di “complessità” distinguiamo scostamenti netti da scostamenti elementari; a seconda dei valori di riferimento, distinguiamo scostamenti nell'area vendite, nell'area costi variabili, nell'area costi fissi. Gli scostamenti netti sono dati dalla differenza tra valori effettivi e valori di budget (ci riferiamo qui e d'ora in avanti al budget economico): essi sono dati “grezzi”, cioè scomponibili in dati più “semplici” e maggiormente significativi. Ciò non significa che gli scostamenti netti non interessino: essi però, normalmente, sono (visti come) la somma di altri scostamenti: questi ultimi devono essere individuati separatamente, anche perché potrebbero avere segni opposti. Gli scostamenti elementari sono l'obiettivo del processo di scomposizione di quelli netti, fase contabile che prende il nome di “analisi degli scostamenti”: la loro somma aritmetica dà lo scostamento netto di partenza. Essi hanno la caratteristica di rappresentare quanto una singola variabile ha “influito” sullo scostamento netto. Essi pertanto saranno tanti quante sono le variabili che hanno determinato il calcolo