Commento sulle figure di Odisseo e Calipso

Appunto inviato da eleonoraavella
/5

Odisseo e Calipso: commento sul dialogo tra i due personaggi dell'Odissea di Omero (1 pagine formato doc)

ODISSEO E CALIPSO: COMMENTO

Odisseo e Calipso.

In questo episodio Odisseo, il protagonista del poema di Omero, fa la sua prima comparsa. Questi appare al cospetto della ninfa Calipso con la quale interloquisce dando prova delle sue prerogative intellettuali. Odisseo infatti fin da subito viene definito accorto perché nel dialogo con la ninfa mostra la sua capacità di riconoscere scegliere sempre il modo più giusto di agire: sa ben parlare e impiega le giuste argomentazioni per non irritare la donna, assecondandola e lusingandola.
Conosce infatti molto sapientemente i complessi meandri dell’animo umano e soprattutto di quello femminile con cui spesso nel suo viaggio si trova a doversi confrontare.

Tappe dell'Odissea di Omero

DIALOGO TRA CALIPSO E ODISSEO

Il dialogo tra i due si snoda attraverso due prospettive di argomentazioni differenti. Calipso, consapevole della partenza dell’eroe, tenta di trattenerlo a se promettendogli una vita quieta e tranquilla di contro ai rischi e alle sofferenza che lo attendono nel viaggio di ritorno e offrendogli l’immortalità rispetto alla vecchiaia e quindi alla morte. Calipso inoltre induce Odisseo ad accogliere il suo punto di vista anche tenendo canto del fatto che alla stessa, in quanto immortale merita più considerazione in bellezza dell’umana Penelope. Al nuovo eroe, però, abituato a soffrire, più complesso e moderno rispetto ai protagonisti dell’Iliade, poco importa di un destino immortale e le ragioni di Calipso mal si coniugano con il suo ideale di vita proteso a valori nuovi, più umani, afferenti alla semplicità della vita quotidiana e alla sicurezza e alla protezione che un focolare domestico può infondere ponendosi come punto di riferimento primario.

ODISSEO E CALIPSO: SIGNIFICATO

In realtà tutto quanto l’episodio è incentrato su questo motivo ispiratore; il ritorno in patria che diventa anche attaccamento alle radici, nostalgia per gli affetti familiari, per la sua terra, per il suo popolo e per tutto ciò che gli sta a cuore e lo rappresenta conferendogli un’identità ben precisa così coerentemente con questa nuova figura di eroe, la scelta di Odisseo non può che ricadere sulla saggia Penelope.