Significato di Filosofia

Appunto inviato da demonnero
/5

Filosofia: significato, come è nata, logos e mito (1 pagine formato doc)

FILOSOFIA: SIGNIFICATO

La filosofia nasce nella civiltà occidentale, precisamente a Mileto, in Asia Minore, nel settimo secolo avanti Cristo.

Li come nelle altre colonie greche, la forma di governo allora adotta era la polis, una delle prime forme democratiche dell’umanità, e il commercio era così fiorente che i cittadini distoglievano l’attenzione dai bisogni primari dell’uomo.
Il mondo era perfetto; nasce il concetto di physis, ovvero di Natura e di ambiente che circonda e comprende l’uomo.

La natura oltre ad essere natura è anche kosmos, e cioè ordine: quindi si viveva in una natura che inspiegabilmente aveva un suo ordine intrinseco, che le permetteva di fiorire e di non degenerare in kaos, cioè in disordine.
La filosofia nasce da qui, dal tentativo di eliminare l’avverbio “inspiegabilmente” dalla frase precedente. L’uomo osservava, scrutava la natura, e si stupiva. La physis è il delon, ciò che si vede.
Lo stupirsi che deriva dall’osservazione della natura in greco veniva chiamato thaumazein che vuol dire “meravigliarsi”.

Filosofia: cos'è

FILOSOFIA: SIGNIFICATO E ORIGINI

L'origine della filosofia avviene quindi come un disinteressato desiderio di conoscenza, theoria o contemplazione delle cose.
Philos e sophia
Per quanto riguarda il significato di filosofia, questo vocabolo è composto da “philos”, che significa amore, e “sophia”, che vuol dire sapienza o conoscenza. Quindi il filosofo è colui che ama la sapienza, la verità.
Colui che la cerca, ma non la possiede (“Solo gli dei possiedono la verità, noi filosofi siamo miseri ricercatori” diceva Platone). La filosofia è amore, come anche Amore è filosofo (a detta di Socrate nel “Simposio” di Platone). Non solo: è un amore completamente disinteressato (theorein: osservare disinteressatamente). La verità è dichiarata dal filosofo in quanto tale, senza alcun secondo fine. E per amore della verità, il filosofo deve essere pronto a confutare o a lasciar confutare il proprio pensiero. Filosofare non è né erizein (sostenere una tesi, qualunque essa sia), né demagorein (dire ciò che gli altri vogliono che si dica, come l’arringare la folla in cerca di consenso).

Mito e filosofia: riassunto

FILOSOFIA: SIGNIFICATO SEMPLICE

Metodo della filosofia. Logos in greco ha svariati significati. È la parola, il parlare ed il discordo, è la logica e quindi la verità, è la ragione umana. La filosofia è strettamente legata al logos perché è un discorso, e soprattutto è un discorso logico; una discorso filosofico non può essere aporetico, perché non avrebbe senso: a differenza della religione, la filosofia è una ricerca razionale della verità.
Possiamo raggruppare gli interessi della filosofia in tre grandi aree: la teologia (da theos, dio: c’è un dio? E se c’è, qual è la sua natura?), la cosmologia (da kosmos, ordine ma anche universo) e l’antropologia (da anthropos, uomo: qual è il ruolo dell’uomo all’interno dell’universo?).
Filosofia e mythos - Mythos in greco vuol dire “parola”, “racconto”. I miti sono i primi tentativi di dare una risposta agli interrogativi dell’uomo. I miti, però, al di là un loro significato razionale intrinseco chiamato mitologema, non sono un tentativo uniforme di spiegazione razionale dell’universo. I primi filosofi prendono coscienza di questo fatto e cominciano ad elaborare una loro spiegazione razionale.

La filosofia: cos'è e cosa studia