Tema su Matrix: qual è la vera realtà?

Appunto inviato da mariscord
/5

Tema svolto a seguito della visione del film Matrix con interpretazioni filosofiche (2 pagine formato doc)

TEMA SU MATRIX

Qual è la vera realtà?
Io credo che non sia il nostro mondo a essere fittizio e a nascondere un mondo vero ma che sia la percezione che gli uomini hanno della realtà a esserlo.

Quando l’uomo capisce che c’è qualcosa oltre le apparenze e tenta di approcciarsi a un mondo differente da quello che ha vissuto fino allora, inevitabilmente matura in se una nuova consapevolezza che nasce dal profondo, come risvegliata da un sonno, e si manifesta all’esterno come un desiderio di conoscenza. È dunque impossibile raggiungere la verità senza subire questa trasformazione interiore.
Per lo stesso motivo, ogni uomo che non percepisce la vera realtà è scettico di fronte alle testimonianze di coloro che la ricercano: la verità è una scoperta interiore, individuale, che ognuno deve compiere da solo con i propri mezzi; nessuno riuscirà a persuadere un uomo a tal punto da privarlo di questa esperienza.

Matrix: recensione e trama del film

MATRIX E FILOSOFIA

Nel film Morpheus giustifica il dolore che il protagonista Neo afferma di percepire agli occhi osservando che egli, di fatto, non li ha mai usati, vuole cioè dire che di fatto non è mai riuscito ad andare oltre le apparenze, restando nel suo mondo fittizio e non percependo quello che è dietro. I suoi occhi non sono perciò abituati alla ‘luminosità’ della realtà a cui Morpheus e gli altri lo stanno accostando. È la stessa cosa che accade all’uomo che, nel mito della caverna, riesce a fuggire e a scoprire il mondo reale diverso dalla percezione che lui e i suoi compagni avevano dall’interno: accecato dalla luce che non ha mai visto fino allora, lentamente si abitua e riesce a scorgere la realtà. Ritornando nella caverna, egli prova il desiderio di trasmettere la sua esperienza ai compagni, con il rischio di non essere creduto. Essendo, quindi, tale esperienza individuale, non può essere estesa agli altri, come invece suggerisce Platone. L’unico coinvolgimento che essi possono provare è il desiderio di uscire anche loro dalla caverna per poter osservare coi loro occhi la vera realtà, di andare oltre le apparenze.

Matrix e la sua filosofia: appunti

INTERPRETAZIONI FILOSOFICHE DI MATRIX

Il percorso di liberazione affrontato da Neo, insoddisfatto del mondo in cui vive, può essere intrapreso solo da quelli che rifiutano di rifugiarsi nel mondo fittizio, che non si aggrappano alle finte certezze e che non temono di scoprire la vera realtà, pur non conoscendo la sua natura.
Nel film Neo viene salvato dall’amore di Trinity: l’amore è dunque una forza rigeneratrice capace di contrastare la morte, proprio come afferma Platone, il quale lo considera come una presenza intermedia tra il mondo sensibile e quello intellegibile, nonché uno stimolo a ritornare nel luogo in cui l’anima ha contemplato la verità nella sua condizione ideale. Per questo, per salvare il mondo e farlo approcciare alla vera realtà, è necessario fare l’esperienza dell’amore.

Temi svolti| Guida al tema sull'adolescenza| Guida al tema sull'immigrazione| Guida al tema sull'amicizia| Guida al tema sul femminicidio| Guida al tema sul Natale| Guida al tema sui social network e i giovani| Guida al tema sui giovani e la crisi economica| Guida al tema sul rapporto tra i giovani e la musica| Guida al tema sulla comunicazione ieri e oggi| Guida al tema sulla famiglia| Guida al tema sull'amore e l'innamoramento| Guida al tema sull'alimentazione| Guida al tema sullo sport e sui suoi valori| Guida al tema sulle dipendenze da droga, alcol e fumo| Guida al tema sulla ricerca della felicità| Guida al tema sul bullismo e sul cyberbullismo| Guida al tema sulla globalizzazione| Guida al tema sul razzismo| Guida al tema sulla fame nel mondo| Guida al tema sull'eutanasia e l'accanimento terapeutico| Guida al tema sulla libertà di pensiero| Guida al tema sulla mafia