La banalità del male: tema

Appunto inviato da nonnolorenzo
/5

Il male e l'uomo: tema svolto con riferimenti a Papa Giovanni Paolo II (2 pagine formato doc)

IL MALE: TEMA

La banalità del male - Una delle caratteristiche principali caratterizzanti il mondo moderno è l’irragionevole contraddizione tra lo sviluppo scientifico e la moralità.

Sappiamo che nella sua storia l'uomo non ha mai avuto mezzi così evoluti per aumentare la qualità della sua vita, tuttavia ad oggi il genere umano sembra non volersi avvalere di queste tecnologie e di questi innovamenti proprio per amore della vita stessa e di come questa si è sempre svolta.
Il defunto papa Giovanni Paolo II si chiese in un suo discorso se esaminando la situazione dell'umanità non fosse eccessivo parlare di crisi della civiltà, constatando di scorgere grandi progressi tecnologici non sempre accompagnati da equivalente progresso spirituale e morale. Azioni dalla correttezza discutibile come l'aborto o l'eutanasia sono viste dalla comunità mondiale come atti di compassione, di carità, d’emancipazione, di liberazione.

Il problema del male: tesina maturità

CHE COS'E' IL MALE

Al processo di Norimberga, alla fine della Seconda Guerra mondiale, l'eutanasia fu indicata come crimine contro l'umanità; oggi, invece, i sostenitori dell'eutanasia parlano di “morte dolce”, di “atto di carità”, di “amorevole compassione”, e sostengono l’inapplicabilità della pena prevista per l’omicidio per chi pone fine alla vita di una persona consenziente.

L’ex Ministro della sanità Umberto Veronesi ha dichiarato: “L'eutanasia è un atto di carità”; Indro Montanelli scrisse in prima pagina sul Corriere della Sera prima di morire per motivi di salute: “Cerco un medico per morire quando e come vorrei”.
A commento di questo dibattito, monsignor Alessandro Maggiolini, vescovo di Como, ha detto: “Vedo in giro una gran voglia di morte”.
In molti casi si tratta di riflessioni personali, comprensibili per chi è terrorizzato dal non sapere come morirà… E’ la natura umana. Il problema diventa però veramente grave quando queste prese di posizione vengono utilizzate per la proposizione di norme legislative.

Il male da Sant'Agostino ad oggi: tema svolto

L'UOMO E IL MALE

La superficialità degli uomini fa sì che spesso abbiano una memoria molto corta.
Cosi, nonostante le proposte favorevoli all'eutanasia nel nostro Paese siano per lo più sostenute da forze politiche di centro-sinistra, le argomentazioni sono esattamente le stesse di quelle utilizzate da Hitler e dal regime nazista per applicare il programma di eliminazione delle “vite deboli”.
Il dittatore tedesco disse tra l’altro: “Si ricordi che la pietà dei saggi è concessa solo alle persone interiormente malate ed in conflitto Questa pietà conosce una sola azione: lasciar morire i malati”. In una lettera datata primo settembre 1939, Adolf Hitler scrisse: “Al Reichleiter Bouhler ed al Dott. Brandt viene conferita la responsabilità di estendere la competenza di taluni medici, designati per nome, cosicché ai pazienti che, sulla base dei giudizio umano, sono considerati incurabili, possa essere concessa una morte pietosa dopo una diagnosi approfondita”.

Temi svoltiGuida al tema sull'adolescenzaGuida al tema sull'immigrazioneGuida al tema sull'amiciziaGuida al tema sul femminicidioGuida al tema sul NataleGuida al tema sui social network e i giovaniGuida al tema sui giovani e la crisi economicaGuida al tema sul rapporto tra i giovani e la musicaGuida al tema sulla comunicazione ieri e oggiGuida al tema sulla famigliaGuida al tema sull'amore e l'innamoramentoGuida al tema sull'alimentazioneGuida al tema sullo sport e sui suoi valoriGuida al tema sulle dipendenze da droga, alcol e fumoGuida al tema sulla ricerca della felicitàGuida al tema sul bullismo e sul cyberbullismoGuida al tema sulla globalizzazioneGuida al tema sul razzismoGuida al tema sulla fame nel mondoGuida al tema sull'eutanasia e l'accanimento terapeuticoGuida al tema sulla libertà di pensieroGuida al tema sulla mafia