La globalizzazione

Appunto inviato da kippel
/5

Relazione sul divario ricchi e poveri causato dalla globalizzazione e sui problemi ambientali (2 pagine formato doc)

La globalizzazione è il fenomeno per cui le economie e i mercati nazionali stanno diventando sempre più interdipendenti fino ad acquisire le caratteristiche di un unico sistema mondiale.
Vexata quaestio degli ultimi anni, la mondializzazione, ormai ritenuta inevitabile, comprende tematiche e problematiche varie e presenta numerosi aspetti negativi tra cui la crescita della disuguaglianza della popolazione mondiale ed il peggioramento delle condizioni ambientali del nostro pianeta. Si è creato un mondo di vincitori e perdenti ove i “ricchi” migliorano sempre più le loro condizioni, soprattutto quelle economiche, elevandosi per aspera ad astra, mentre i “poveri” vengono schiacciati dalla macchina “economia-mondo”, il cui dizionario non contiene i lemmi dignità, solidarietà, istruzione e lotta alla povertà. Ciò è determinato dal fatto che i competitivi mercati mondiali, mossi da machiavellismo amorale, non possono garantire l’equità e finiscono per dominare la politica e la società, causando un’ineguale diffusione dei vantaggi offerti dall’esistenza di un unico mercato, malato in modo lapalissiano dell’abulia di migliorare condizioni di ogni essere umano in quanto tale.
Oggi, il rapporto tra ricchi e poveri, che corrisponde a quello tra Nord e Sud del mondo, è cresciuto notevolmente tanto che, negli anni ’60, a 61 poveri corrispondeva un ricco mentre, adesso, il rapporto è di 74 a 1. Il consumo alimentare medio dei ricchi è diventato 16 volte superiore a quello dei più poveri: 840 milioni di individui, a causa delle eccessive privazioni economiche, sono mal nutriti e hanno subito lunghe carestie alimentari. Le privazioni economiche si riflettono sempre più, inevitabilmente, sulle condizioni sanitarie, sulla durata media della vita e sul grado di alfabetizzazione. Nei paesi industrializzati la speranza di vita supera i 75 anni mentre circa un miliardi e mezzo degli abitanti della Terra non raggiunge i 60 anni di vita, a causa di malattie come la malaria, la tubercolosi e l’AIDS, e delle precarie condizioni sanitarie ed igieniche. Nei paesi più sviluppati, l’assistenza sanitaria utilizza una quota importante del reddito nazionale ma, con l’invecchiamento della popolazione, il Welfare, vanto dei governi occidentali, costituisce una fonte di preoccupazione perché i suoi servizi stanno diventando sempre più onerosi, soprattutto per le fasce più deboli.