La filosofia di Schopenhauer

Appunto inviato da misslucry91
/5

Tema su Schopenhauer e i concetti principali della sua filosofia (2 pagine formato doc)

TEMA
La filosofia di Schopenhauer
Il filosofo Arthur Schopenhauer presentò una delle sue opere migliori nel 1818 denominato “Il mondo come volontà e rappresentazione”.
Egli parte dalla differenziazione di Kant tra fenomeno e noumeno, con significati però piuttosto dissimili.
Per Schopenhauer il fenomeno è solo parvenza, illusione, sogno, praticamente ciò che la filosofia indiana definisce come velo di Maya. Il noumeno invece è la vera realtà che si cela dietro l’ingannevole esistenza del fenomeno.
Il compito del filosofo è rendere noto,  squarciare il velo di Maya che nasconde e copre la realtà vera. 


A differenza del concetto di fenomeno di Kant, Schopenhauer conferma che esso è una rappresentazione che esiste solo dentro di noi, dentro la nostra coscienza. Come il filosofo Kant, invece, ritiene che la nostra mente utilizzi forme a priori, ma a differenza di Kant ne identifica ed individua solamente tre: spazio, tempo e casualità. Poiché Schopenhauer equipara le forme a priori a dei vetri attraverso cui la visione si deforma, esamina la rappresentazione come una realtà illusoria, per questo la vita è vista come un sogno.