Alla sera: figure retoriche e tematiche

Appunto inviato da angel8ca
/5

Spiegazione della poesia Alla sera di Ugo Foscolo: figure retoriche e tematiche (2 pagine formato rtf)

ALLA SERA: FIGURE RETORICHE

Alla sera di Ugo Foscolo.

Oh sera per me sei molto cara, forse perché sei l'immagine della morte, sia quando tu sera vieni con le nuvole estive e il venticello fresco, sia quando d'inverno con il cielo nevoso, porti con te lunghe e tempestose tenebre.
Tu sera mi fai ripensare al nulla eterno e mentre io penso, questo tempo cattivo se ne va via e con lui se ne vanno i cattivi pensieri che mi fanno male e mentre guardi la tua pace, dorme il mio spirito combattivo da leone.
Nella lirica sono presenti 2 temi: l'analogia tra la sera e la morte (che compare ai vv. 1-2 e 9-10) e la meditazione sul tempo che passa.
L'analogia è molto evidente nel sonetto e calza alla perfezione poiché, come la sera porta a termine una giornata, anche la morte rappresenta la fine della vita, ma ci permette di raggiungere la pace e la liberazione dalla sofferenza.
Il secondo tema fa riferimento al , il tempo presente che causa dolori e tormenti all'autore.
Nella prima parte del sonetto di Foscolo analizza lo stato d'animo che prova quando giunge la sera, in 2 momenti diversi: in estate e in inverno.
La sera estiva arriva dopo una vita serena e felice, mentre quella invernale si presenta alla fine di un'esistenza sofferta e tormentata.
In entrambi i casi lo stato d'animo di Foscolo è costante.

Alla sera: testo e analisi

ALLA SERA FOSCOLO: SPIEGAZIONE

Nella seconda parte del sonetto, il poeta esprime il motivo per cui la sera, immagine della morte, gli è così cara.
La sera induce Foscolo a pensare al nulla eterno e ai cattivi pensieri che nel frattempo se ne vanno ed è per questo motivo che perde di significato di fronte alla morte.
Nella prima parte del sonetto prevalgono le vocali a/e e gli stati d'animo evocati sono allegria, felicità, mentre nella seconda prevalgono le vocali u/o ed esprimono cupicità e tristezza.
Il periodo iniziale è complesso e lungo creando un ritmo ampio e disteso, successivamente diventa più veloce per la presenza di subordinate.

Ugo Foscolo: analisi di alcune poesie

ALLA SERA: ENJAMBEMENT

Gli enjambement dilatano il verso rallentando il ritmo (vv. 5-16/7-8/10-11/13-14), hanno una struttura paratattica costruita tramite polisindeto.
La prima parte del sonetto è lenta e descrittiva, mentre la seconda è più dinamica e prevalgono i sentimenti.
La lirica è composta da endecasillabi e da rime alternate ed incatenate nelle terzine.
In essa si riconoscono: perifrasi, metonimie (vv.4-8) e metafore (come ad esempio ; ; e ).
Analizzando le metafore possiamo attribuire ad ognuna di esse un significato, come ad esempio: la rappresenta la fine della sofferenza invocata e tanto attesa da Foscolo; le sono i sentimenti più intimi occupati dal pensiero della morte.
Il lessico è aulico e poetico e dal sonetto emerge il pensiero illuminista di Foscolo, quale la morte vista come elemento in grado di annullare totalmente la sofferenza della vita.
Foscolo indica la morte con una parafrasi, , cioè voluta dal fato.
Questo pensiero rimanda ad una visione materialistica della vita, poiché essendo lui ateo, crede nella mutazione della materia, di conseguenza anche l'uomo subisce dei cambiamenti ed è destinato alla morte.