La mano che ti segue: analisi del testo

Appunto inviato da meryanne92
/5

La mano che ti segue di Italo Calvino: analisi del testo (2 pagine formato doc)

LA MANO CHE TI SEGUE: ANALISI DEL TESTO

Analisi del testo: “La mano che ti segue” di Italo Calvino.
Analisi degli elementi di narratologia.
Il narratore: è esterno, focalizzazione interna.
I personaggi: Yvonne ha dei sentimenti di timore, è la protagonista, è un personaggi
piatto e dinamico.
Il racconto è strutturato sotto forma di fabula.
Suddivisione in sequenze
1.

L’inizio di tutto(sequenza descrittiva):
Chiusa nella sua gabbia trasparente, intravede tra il cuoi e il metallo una bocche che s’apre come un ghigno o in un grido di minaccia o di scherno.
Le mani che impugnano le catene e i comandi del manubrio, Le si avventano contro pronte ad afferrarla...
Non c’è che riprendere la cosa, ma come loro prigioniera, preceduta, fiancheggiata, seguita dalle moto trionfalmente rombanti. Sono loro a guidarla, ad obbligare a voltarla a destra o a sinistra. Certo vogliono condurla in una località solitaria, dove lei si troverà senza difesa in mano loro. Yvonne sa di non avere alternative: se sì ferma le demoliranno la macchina a colpi di catena.

I nostri antenati di Italo Calvino: riassunto

LA MANO CHE TI SEGUE ITALO CALVINO: ANALISI DEL TESTO

2. Il primo tentativo(sequenza riflessiva):
Ora sono arrivati ad una delle uscite della città. Dai cartelli indicatori Yvonne vede che le basterebbe svoltare a destra o a sinistra per sboccare sui boulevard periferici da cui si dipartono le autostrade. È l’ora in cui i camion che devono raggiungere all’alba i mercati delle città di provincia lasciano i depositi della capitale e si mettono in cammino. “Se riuscissi a scattar via di sorpresa” pensa Yvonne “a incolonnarmi nel flusso del traffico che esce dalla città; a infilarmi tra due camion, a sparire...”. Ma le moto la costringono a tenere la corsia centrale, che s’inoltra in un triste sobborgo.
3. Dopo la prima sconfitta, ecco la vittoria(sequenza descrittiva):
Il semaforo passa al rosso: Yvonne, frenando, si porta sulla destra per riservarsi un’eventuale libertà di manovra. Ma essi hanno capito il suo piano:Una moto le si impenna davanti; una catena s’abbatte sul parabrezza;; il vetro resiste ma incomincia a incrinarsi...Yvonne decide di giocare tutto per tutto: scatta avanti col rosso, urta e striscia contro le moto che la stringono intorno: a giudicare dal fragore qualcuno dovrebbe essere andato a ruote all’aria; la macchina sobbalza su un ostacolo steso al suolo, s’incaglia, poi si libera di strappo. Ecco che svolta e imbocca lo svincolo inserendosi nel flusso degli altri veicoli che sopravvengono e la separano dagli inseguitori. Yvonne sente che il rumore della macchina in corsa non è più lo stesso: stridori e sferragliamenti avvertono che ci deve essere qualcosa di rotto che sbatacchia, ma la sola cosa che sta a cuore alla guidatrice è che il motore non si fermi.

Le città invisibili di Italo Calvino: riassunto e recensione