Concetto di cittadinanza e tutela del territorio

Appunto inviato da raffyna92
/5

Riflessione sul concetto di cittadinanza e sulla sua importanza in relazione alla tutela del territorio, fattore indispensabile alla nostra esistenza (2 pagine formato pdf)

Riflessione sul concetto di cittadinanza e sulla sua importanza in relazione alla tutela del territorio, fattore indispensabile alla nostra esistenza.

Una nuova sensibilità alla cittadinanza.

L’ “essere cittadini” ci è sempre parso come un concetto immutabile, fisso e costante, variabile solo per quanto riguarda la sua area di estensione, e in ogni caso connesso all’organizzazione politica dei Paesi (cittadini d’Italia, d’Europa…).
Normalmente siamo soliti considerare la cittadinanza solo come un diritto da pretendere, non invece una consapevolezza da conquistare anche come opportunità d’integrazione.

Sempre in uso, ma con minor frequenza, è il concetto di cosmopolitismo, “essere cittadini del mondo”: allora il pianeta Terra, spesso considerato troppo piccolo per soddisfare tutti i nostri bisogni, improvvisamente ci appare immenso, senza confini. E noi (alla pari di un naufrago sperduto nell’oceano, senza possibilità di alcuna meta o appiglio, che fissa l’orizzonte lontano improvvisamente immenso e irriconoscibile) allibiti, ci chiediamo: come possiamo misurarci con qualcosa di così grande? Che cosa significa allora realmente essere cittadini?

Natura – Uomo – Ambiente.

All’inizio uno e pianeta erano cresciuti insieme.
E così dovrebbe essere ancora oggi. La Terra è tuttora impegnata ad aiutarci e sostenerci: il territorio è qualcosa di vivo e complesso, che comunica con noi, ci sa apprendere comportamenti ed informazioni, ci educa e crea confini e relazioni. Il territorio ci sostiene e segue in ogni nostro passo, e con i suoi luoghi e i suoi ambiente ci fornisce una cultura, un’identità, una storia, un carattere.