La diffusione dell'epicureismo e l'influsso dello stoicismo

Appunto inviato da crezia91
/5

Tema: come si diffuse l'epicureismo e lo stoicismo e chi furono gli esponenti principali (2 pagine formato pdf)

LA DIFFUSIONE DELL'EPICUREISMO E L'INFLUSSO DELLO STOICISMO
La filosofia che riscosse il successo maggiore in questa età fu quella epicurea; essa proponeva una concezione rigorosamente materialistica e razionalistica, negava ogni intervento divino nelle vicende umane e consigliava l'astensione dalle cariche pubbliche e una vita ritirata, dedita allo studio e alla serena fruizione dei piaceri fisici e intellettuali.
Un influsso particolarmente rilevante esercitarono due filosofi epicurei 
che vissero a Roma e in Campania: Sirone e Filodemo, intorno ai quali si formarono, piu che vere e proprie scuole, vivaci e fiorenti circoli culturali i cui membri, secondo il modello dello stesso Epicuro e dei suoi allievi, erano legati da profonda amicizia e condividevano esperienze di cultura e di vita.


Filodemo, originario di Gadara in Siria, giunto in Italia intorno al 70 a.C, ebbe come patrono Lucio Calpurnio Pisone Cesonino (che fu suocero di Giulio Cesare) e visse a lungo nella villa di quest'ultimo a Ercolano, dove raccolse una ricca biblioteca i cui resti sono stati portati alia luce in tempi recenti.
Sirone ebbe discepoli sia a Roma sia 
a Napoli; i due circoli, sironiano e filodemeo, furono frequentati anche dal giovane Virgilio e forse da Orazio, poeti che scrissero le loro opere nel periodo successivo alia morte di Cesare, ma la cui formazione avvenne negli anni di cui ci stiamo occupando.