il fancuillino pascoliano

Appunto inviato da angygiovy
/5

Ho scelto il tema del fanciullino di Pascoli, poiché ha un fascino che perpetua nel tempo, infatti, ci accompagna per tutti gli anni della nostra vita. Di conseguenza, è possibile collegarlo con un tema molto attuale che riguarda i giovani d’oggi “ (8 pagine formato doc)

Ho scelto il tema del fanciullino di Pascoli, poiché ha un fascino che perpetua nel tempo, infatti, ci accompagna per tutti gli anni della nostra vita.
Di conseguenza, è possibile collegarlo con un tema molto attuale che riguarda i giovani d'oggi “il complesso di peter pan”. Nel brano “Il Nuovo Adamo”, tratto dal “Fanciullino”, Pascoli conferma il suo grande amore nei confronti del fanciullino. Il brano è diviso in due capitoli, dove nel primo vi è la suddivisione del Fanciullino nelle varie età evolutive: infanzia, adolescenza, maturità e anzianità. Nell'infanzia troviamo un unione con il fanciullino, custode della nostra anima; nell'adolescenza invece, ci si ; nell'età matura, il fanciullino divine invisibile; nell'anzianità lo si riscopre come un fiore a primavera e finalmente gli si dona la giusta osservanza, lo si ascolta e gli si dà voce.
Nel secondo capitolo vi è descritto perfettamente cos'è il fanciullino; un'entità primitiva che dà voce ai nostri istinti primordiali, ingenua ma geniale, adornata di semplici parole che racchiudono un animo ripieno di significati….i simboli. Da questo brano emerge la completa identificazione del poeta con il fanciullino, entità che ci lascia assaporare il gusto vero della vita. È egli che ci lascia veramente vivere, è una parte nascosta di noi che nessuno può trascurare e qualche volta affiora dolcemente come un qualcosa di stupefacente. È importante dare voce al fanciullino, anche se fin troppo spesso viene sconfitto dalla meccanizzazione drastica degli adulti, e non sanno che il fanciullino può scalare vette insormontabili per la nostra coscienza, egli è colui che ci fa sorridere anche nella cupidigia…è un amico dell'anima, è figlio della felicità… l'arcaico Adamo od Eva custoditi nel profondo di ognuno di noi. Egli è la spiegazione a cose incomprensibili… la chiave per rimanere giovani… la nostra speranza, la nostra fantasia….è il sale della nostra esistenza. Mi attrae questo modo di pensare Pascoliano, è colmo di vitalità ed è straordinario poter essere inondati dal vigoroso fascio di luce che illumina il nostro mondo interno. È un universo colorato dove ognuno di noi riscopre la sua sognante essenza primitiva! Da un lato però non bisogna traboccare in un mondo esclusivamente infantile, altrimenti si rischia di naufragare nel “complesso di Peter Pan”, tanto celebre ai giorni nostri, che psicologicamente viene definito come una vita “eternamente fanciulla”. Bisogna, al contrario, che l'equilibrio interno al nostro IO, sia preponderante per poter avere stabilità mentale e fisica nella nostra attanagliata esistenza. -Il Fanciullino - Pascoli- L'opera di Pascoli “Il Fanciullino” è da definirsi come una riflessione sulla poetica, mette in relazione l'ispirazione poetica con la sensibilità infantile. Infatti, secondo il pensiero di Pascoli, per essere poeti bisogna recuperare il “primitiv