I giovani d'oggi sono i figli o i genitori?

Appunto inviato da giojp
/5

Saggio breve sul rapporto tra genitori e figli nella società attuale (2 pagine formato doc)

I giovani d'oggi sono la generazione della "TV babysitter", del "tutto e subito" e della "superpaghetta"; semplici luoghi comuni che però ci suggeriscono alla mente un domanda che da anni tormenta un po' tutti, psicologi e non: di chi è la colpa di tutto questo?
La risposta più ovvia è "la società": frenetica e impietosa, non lascia tempo al tempo ma solo la possibilità ai ragazzi di apprendere il segreto del "vivere veloce" e comprendere i trucchi per una convivenza pacifica con le difficoltà giornaliere.

SAGGIO BREVE: I GIOVANI E IL LAVORO


Ma la prima società con cui il giovane viene a contatto è la famiglia.
E' quest'ultima ad educarlo e farlo crescere con i principi, si spera, più morali possibili.

Nel ventunesimo secolo però anche la famiglia ha accusato gli effetti negativi della convulsa realtà in cui abitiamo: al contrario di un tempo, quando il nucleo familiare era più gerarchico, genitori e figli sono spesso divisi da ritmi diversi e orari discordanti; il rapporto padre/madre-figlio è più conflittuale e spesso in casa si tende a considerare il lavoro l'unico argomento di dibattito.
"I genitori di oggi sono schiavi del proprio mestiere" interviene la sociologa Anna Maria del Vello durante una conferenza incentrata sui problemi dell'adolescenza, tenutasi a Milano il marzo scorso.

RAPPORTO TRA RAGAZZI E ADULTI