Populismo

Appunto inviato da clasbt
/5

Elaborato dedicato al populismo e alla letteratura del primo Ottocento (2 pagine formato doc)

La letteratura del primo ‘800 manifesta, rispetto alla plebe, atteggiamenti non sempre coerenti, spesso è persino difficile stabilire se si tratti di una massa dai caratteri poco definiti o se non sia piuttosto un "popolo" nell' accezione ideologicamente più matura del termine.
E' indubbia la presenza, sia in Manzoni che nel Belli, di uno sfondo plebeo, che vive per lo più di espedienti e che spesso è costretto a saltare i pasti; ricordiamo, per esempio, l' episodio in cui Renzo, recatosi a casa dell' amico Tonio per invitarlo in osteria, provoca una duplice letizia: quella dello stesso invitato ma, soprattutto, quella dei suoi familiari, assai contenti di poter mangiare anche la sua porzione di polenta. Scenari non dissimili sono quelli intorno ai quali Belli costruisce i suoi più celebri sonetti in dialetto romanesco; in quello intitolato "La bbona famijja" egli fa parlare, presumibilmente, una delle voci più giovani: scopriamo dal suo racconto che in quella casa << qualche volta>> viene messa in tavola una frittata e, mangiate << quattro noci>>, la cena è già terminata. Ovviamente non si può dar totale credito a queste simili rappresentazioni del mondo plebeo; qualche esagerazione va messa in conto, né i sonetti di Belli riescono sempre ad essere esenti da note polemiche.
Il rischio di tale atteggiamento polemico è che esso si traduca in un << qualunquismo della volontà che accompagna sempre il ribellismo dell'immaginazione>>.