Saggio breve sugli alieni: verità o finzione?

Appunto inviato da lovved
/5

Saggio breve svolto su un tema dato alla maturità sugli alieni (3 pagine formato doc)

SAGGIO BREVE SUGLI ALIENI

Alieni: verità o finzione? Destinazione: articolo di una rivista divulgativa riguardante argomenti scientifici.

Ogni anno migliaia di avvistamenti di oggetti volanti non identificati solo in Italia, presunti rapimenti da parte di esseri ben lontani da assomigliare a persone umane, numerosi video e immagini archiviate sul web; sono tutti dati che seppure possono risultare non veri, fanno comunque pensare che forse non siamo gli unici abitanti di questo universo.
Certamente molti di questi documenti sono dei falsi, basta pensare che ci sono alcune persone che hanno fotografato delle strane luci nel cielo dicendo anche che esse erano rimaste ferme per diverse ore, cambiando stanza e guardando sempre lo stesso punto non le hanno più viste, ma tornando nella stanza precedente si erano accorte che c’erano ancora: in poche parole avevano visto la luce della stanza riflessa più volte sul vetro da uno specchio.
Anche il fatto dei rapimenti può essere spiegato, basta pensare che una persona molto stressata abbia fatto strani sogni durante la notte da sembrare di averli vissuti veramente.

Tema sugli alieni: siamo soli?


SAGGIO BREVE SULL'ESISTENZA DEGLI ALIENI

Una domanda però viene da porsi: perché questi alieni sono sempre raffigurati con teste allungate, senza capelli, con occhi neri e molto grandi, bocca e naso piccolissimi, senza orecchie e con un corpo esile e sproporzionato rispetto alla testa? Necessariamente da qualche immagine si sarà preso ispirazione e nulla toglie che qualcuno li abbia veramente visti.
Ma un’altra domanda sovviene: che senso ha percorrere trilioni di chilometri per raggiungere la Terra e poi tornarsene a casa? Le motivazioni potrebbero essere molteplici, basta pensare con una mentalità diversa da quella umana, visto che questi esseri non li conosciamo minimamente anche le ipotesi più assurde potrebbero essere sensate.
Tornando all’ipotesi dell’esistenza di forme di vita extraterrestri, esistono delle teorie elaborate da alcuni scienziati riguardanti la nascita delle stelle e dei sistemi planetari simili al nostro: esse spiegano che trascorsi alcuni milioni di anni dal Big Bang, si accesero i primi soli che dispersero nello spazio carbonio, idrogeno e altri elementi.

Tema sugli UFO e la vita extraterrestre


SAGGIO BREVE SULL'ESISTENZA DEGLI EXTRATERRESTRI

Con questi composti dispersi nello spazio si formarono dei “dischi giganteschi” dal cui interno, come per le prime stelle, si accesero nuovi soli e successivamente si formarono i pianeti arrivando a comporre dei sistemi solari. Tale fenomeno si succede tra le quattro e le diciannove volte l’anno.

Secondo questa teoria quindi nello spazio ci devono essere pianeti molto simili alla Terra dove la vita iniziò a formarsi e si sta formando tuttora visto che il fenomeno è continuamente in moto. Secondo alcuni studiosi il mondo vive in una “perfetta ignoranza” perché crede di essere il migliore dell’Universo; ora probabilmente è il momento di dire che siamo parte di un vicinato galattico, sfortunatamente però non siamo i più grandi del quartiere.
Esistono prove schiaccianti che intelligenze extraterrestri stanno visitando il nostro pianeta. Ma allora se queste prove ci sono perché non renderle pubbliche? Secondo alcuni scienziati c’è un “Grande segreto” al centro del governo Usa di carattere militare-industriale per il quale lo stato è disposto a tutto pur di non rivelarlo.

Tema sull'esistenza degli UFO


SAGGIO BREVE SULL'ESISTENZA DEGLI UFO

Il che significa che solo alcune persone nei governi che contano maggiormente sono a conoscenza di ciò che interagisce con il nostro pianeta; almeno fino al 1947 quando due oggetti volanti non identificati caddero nel deserto del New Mexico e vennero recuperati dal governo americano insieme ad alcuni cadaveri alieni. Da quel momento l’argomento Ufo fu classificato. Questo evento, noto come incidente di Roswell, è una prova solida incontrovertibile a favore di un reale impatto al suolo di una navicella extraterrestre.
Vediamo di analizzare bene questo evento: tutto cominciò il 2 luglio 1947, quando il mandriano Mac Brazel sentì una potente esplosione nel mezzo del deserto del New Mexico.

Tema di fantascienza svolto


SAGGIO BREVE SUGLI UFO

Il mattino seguente Brazel, che lavorava in un ranch, andò a controllare una pompa dell’acqua: lungo la strada notò strani frammenti disseminati per circa un chilometro, ne raccolse uno, provò a piegarlo, ma questo tornava sempre nella posizione di prima con un comportamento perfettamente elastico. C’erano anche delle piccole travi a forma di I, di un insolito color lavanda metallizzato sulla cui parte interna si leggevano dei simboli. Le travi erano leggere come se fossero di legno di balsa, ma erano infrangibili e non prendevano fuoco. Tre giorni dopo il mandriano caricò sul suo furgone alcuni rottami e li portò allo sceriffo di Roswell, il quale informò la base dell’esercito e l’ufficiale dei servizi segreti. Quest’ultimo decise di fare un sopralluogo dove furono ritrovati gli strani frammenti.