Saggio breve sull'amicizia

Appunto inviato da esterb93 Voto 9

Saggio breve artistico letterario svolto sull'amicizia (3 pagine formato pdf)

SAGGIO BREVE SULL'AMICIZIA SVOLTO: AMBITO ARTISTICO LETTERARIO

L’amicizia è ed è sempre stata uno dei principali motivi di ispirazione nell’arte e nella letteratura, poiché, insieme all’amore, è il sentimento più caratteristico dell’uomo in quanto tale.

Non per niente Aristotele definiva l’uomo «animale sociale»: ciò che lo distingue dalle altre creature è proprio la necessità di legami. Questo non può non riflettersi in quelli che sono i prodotti di una ragione prettamente umana, in tutte quelle manifestazioni destinate ad essere condivise e a trasmettere messaggi di validità universale.
Già nell’antichità l’amicizia era tenuta in grande considerazione dai letterati. Oggi si è abituati a pensare ai latini come a persone integerrime, fiere, devote del tutto e unicamente alla patria, quelle che si sono conosciute attraverso le pagine di un libro di storia e che hanno quasi del disumano. In verità, anche i latini necessitavano di legami di amicizia.

Tema sull'amicizia

SAGGIO BREVE AMICIZIA CICERONE

Cicerone (106 a. C. – 43 a. C.), uno dei più grandi autori della latinità, scrisse addirittura un intero trattato dedicato all’amicizia, che riteneva essere un sentimento alto, degno degli uomini liberi. È significativo citare il passo in cui egli afferma: «Se un uomo salisse in cielo e contemplasse la natura dell’universo e la bellezza degli astri, la meraviglia di tale visione non gli darebbe la gioia più intensa, come dovrebbe, ma quasi un dispiacere, perché non avrebbe nessuno a cui comunicarla».

Tema maturità sull'amicizia

SAGGIO BREVE AMICIZIA: L'AMICIZIA NE I PROMESSI SPOSI

L’immagine di amicizia che emerge dal passo è quella di un elemento importantissimo per sperimentare appieno la gioia, che si trasformerebbe in una sensazione di malinconia se non la si potesse condividere. Come però fa notare Renzo, protagonista de “I Promessi Sposi” di Alessandro Manzoni (1785 – 1873), «son cose brutte, cose che non si sarebbe mai creduto di vedere; cose da levarvi l’allegria per tutta la vita; ma però, a parlarne tra amici, è un sollievo»: l’amicizia è fondamentale sempre, non solo per condividere gioie ma anche in situazioni di tristezza e sofferenza, poiché parlarne con una persona fidata aiuta a liberarsi di un grande peso.

Come scrivere un saggio breve

SAGGIO BREVE: AMICIZIA

Tema dell’amicizia come condivisione di esperienze ritorna in un sonetto contenuto nella raccolta de “Le Rime” di Dante (1265 – 1321), “Guido, i’ vorrei che tu e Lapo ed io”. In questo caso l’amicizia è sentita ancora più intimamente in quanto le esperienze vissute (o meglio, desiderate) sono precluse agli altri, tanto da rafforzare il sentimento nel poeta, che immagina una condizione ideale in cui per essere felice non
chiederebbe altro se non la presenza degli amici Guido Cavalcanti e Lapo Gianni (con le rispettive donne).


SAGGIO BREVE SULL'AMICIZIA CON TESI E ANTITESI

Poiché, come si è detto, l'amicizia è caratteristica dell'uomo in quanto tale, è conseguenza logica che essa accomuni tutti gli esseri umani, indipendentemente da fattori come l'età e l'estrazione sociale. Anche Giovanni Verga (1840 ­ 1922), principale esponente della corrente del verismo, la inserisce nelle sue opere. Prendiamo come esempio la novella "Rosso Malpelo" contenuta in "Vita dei campi". Il protagonista, dal cui nome essa prende il titolo, è un ragazzo povero dai capelli rossi: questa sua chioma gli causa la malevolenza della gente, che, per superstizione, lo considera quasi figlio del diavolo. 

L'AMICIZIA IN ROSSO MALPELO DI GIOVANNI VERGA

Eppure, per quanto malvagio Malpelo sia ritenuto, è lui che finisce per proteggere e accudire un ragazzino povero e malato, e a nutrirlo e vestirlo con i soldi della propria misera paga settimanale. Anche se perfino questa azione è filtrata attraverso gli occhi sospettosi della gente, si può cogliere come essa esalti l'umanità di un personaggio così disprezzato e porti quindi il lettore a rivalutarlo.