Saggio breve sull'omosessualità

Appunto inviato da anastasia94
/5

Definizione del termine omessuale e argomentazione sul tema dell'omosessualità tra il presente e il passato: saggio breve svolto per una rivista specialistica di psicologia (2 pagine formato doc)

SAGGIO BREVE SULL'OMOSESSUALITA'

“Omo-amore è normalità”.
Saggio breve sull'omosessualità. Dal dizionario omosessuale è colui che prova attrazione sessuale e sentimentale per individui del suo stesso sesso. Spiegando il fenomeno ad un uomo “comune” qualora questo sia una persona dall’opinione avversa, si finirebbe a parlare di una psicopatologia, un’anormalità. Se invece per uomo “comune” si intende un individuo tollerante ed aperto verso ogni forma di novità, cambiamento e diversità, si tratterebbe semplicemente di una forma alternativa di sessualità. Il fenomeno, difatti, non risulta presente negli elenchi delle malattie psicologiche ed il Ministero della Sanità non riconosce nessun tipo di disfunzione o di pericolo per l’integrità funzionale dell’organismo o della psiche.
In una società ormai aperta ad ogni tipo di innovazione tecnologica e ai cambiamenti, più tollerante vero il pluralismo religioso rispetto al passato, ancora, le coppie omosessuali sono viste come dei tabù da condannare, secondo il dettato dell’Antico Testamento, o da sottoporre alla pena capitale nell’assenza di crimini o reati.

Omosessualità: tesina di maturità


ARTICOLO DI GIORNALE SULL'OMOSESSUALITA'

La società è abituata a ragionare in modo tradizionale e spesso, oltre a trasformare il fenomeno in omofobia, rende questi individui dei capri espiatori, nascondendo dietro ad un finto vittimismo i volti dei carnefici, le insicurezze e possibili disturbi ben più gravi.
Le cause di ciò potrebbero essere molteplici, dalle esperienze personali in seguito a degli incontri riavvicinati con l’omosessualità, al tentativo di evadere dai problemi politici, sociali ed economici caratterizzanti gli anni recenti.
Né in passato, né oggigiorno i gay godono degli stessi diritti concessi agli etero. Soggetti ai pregiudizi, stereotipi, discriminazioni si trovano costretti ad affrontare quotidianamente ostacoli sia nel mondo del lavoro che nella propria vita sociale. Sottoposti ad una pressione psicologica e tormentati dal rifiuto della società e spesso pure dei propri familiari, vengono portati a decisioni radicali come il suicidio. Non mancano esempi di casi di omosessualità individuale che hanno contribuito al progresso ed alla evoluzione della società nel corso del tempo come quello di Alan Turing, uno dei padri dell’informatica suicidatosi a soli 41 anni a causa delle persecuzioni dell’autorità britannica per la sua natura sessuale “anormale”.
Qui basta ricordare i versi melodiosi di Saffo, poetessa greca antica; le parole romanzate di Oscar Wilde, celebre scrittore irlandese; e gli scritti più tradotti del critico letterario Marcel Proust. Gli stessi filosofi greci dell’antichità praticavano questa forma alternativa d’amore considerata a quei tempi un’abitudine naturale, se non un autentico diletto :“Non c’erano anormali quando l’omosessualità era la norma.” si citano infatti le parole di Proust.

Eppure, dopo quasi un secolo, si protesta ancora contro le leggi che aprono strada al matrimonio e all’adozione gay, come è successo recentemente in Francia in seguito ad un sorprendente calo percentuale di opinioni favorevoli “all’omo-amore”, avvenuto nel giro di pochi mesi. Contro le nuove proposte di legge si sono espressi non soltanto gli esponenti della religione cattolica, seguaci del pontefice Benedetto XVI, i tradizionalisti laici, ma anche rappresentanti di partiti politici ed esponenti di altre religioni. Quindi le coppie lesbiche si trovano ancora costrette a lottare per la procreazione medicalmente assistita, legale in pochi paesi, e a ricevere rifiuti per l’adozione.