Condizione dei profughi: tema e riflessioni

Appunto inviato da onghy90
/5

Riflessioni sulla condizione dei profughi: tema (1 pagine formato doc)

CONDIZIONE DEI PROFUGHI

Tema: Se fossi costretto a fuggire da un paese in guerra: profughi e flussi migratori. In queste settimane i telegiornali dedicano moltissimo spazio alla difficile situazione dei profughi che, in gran numero, stanno lasciando i loro paesi in guerra per cercare una nuova vita più sicura, spesso in nazioni molto distanti dal loro paese d’origine.

Gran parte di questi profughi arriva attualmente dalla Siria, uno dei paesi più il difficoltà, ma non è la prima volta che l'Europa assiste a un esodo del genere.
Tutte le guerre, infatti, hanno tra le loro peggiori conseguenze il fatto di costringere molte persone a fuggire, lasciando così i paesi non solo distrutti dalle bombe, ma anche impoveriti di molti dei loro abitanti e quindi del loro futuro.
Vedendo le immagini in televisione ho notato che tra coloro che cercano di ottenere lo status di rifugiato, speso stipati alle frontiere o nelle stazioni, ci sono moltissimi ragazzi della mia età e addirittura bambini più piccoli. Credo che molti genitori facciano di tutto per portare i loro figli in Europa, anzi probabilmente è proprio per loro che decidono di affrontare questo viaggio così complicato e pericoloso.

Tema sull'immigrazione

PROFUGHI IN ITALIA TEMA

Se mi toccasse lo stesso destino credo che avrei un sacco di dubbi e paure, prima di tutto quella di perdere la mia famiglia durante il viaggio, rimanendo da solo in un paese sconosciuto, nel quale non so se sono ben accetto o visto come un parassita.
Inoltre, soffrirei molto a lasciare il mio paese, soprattutto senza sapere se e quando potrò ritornarci. Vorrebbe dire perdere i contatti con molte delle persone che conosco, abbandonare i luoghi in cui sono cresciuto e in cui ho cominciato a costruite il mio carattere. Lo so che non potrei restare, perché sarebbe troppo pericoloso, ma il pensiero di non vedere più la mia casa, la mia scuola, magari anche i miei nonni mi farebbe stare male. Credo che sarebbe una reazione legittima: in fondo, è normale essere legati a dei luoghi, a dei profumi che abbiamo intorno a noi tutti i giorni e che all’’improvviso saranno solo più dei ricordi.

Il problema dei profughi in Italia: tema

PROFUGHI IN ITALIA OGGI

Quello che mi spaventerebbe di più, però, è il fatto di dover ricominciare in un paese completamente diverso dal mio, dove si parla una lingua diversa e le persone hanno altre abitudini. Per fortuna molti paesi europei sono già abituati all’arrivo degli stranieri, e con un po’ di fortuna troverei delle persone che vengono dal mio stesso paese e altre che mi considereranno benvenuto, ma adattarsi sarebbe comunque un processo lungo. Per questo, vorrei ricominciare la scuola il prima possibile, perché in fondo è a scuola che alla nostra età incontriamo la maggior parte dei nostri amici, e poi sarebbe un buon modo per immergersi al massimo negli usi del paese che mi ospita.
Ovviamente sarei contento di essere scampato alla guerra e mi impegnerei al massimo per vivere bene nel mio nuovo paese: tuttavia, credo che nel mio cuore resterebbe sempre un po' di tristezza perché la mia famiglia è stata costretta a prendere questa decisione.

Fenomeno immigrazione: tema svolto

RIFLESSIONI SUI PROFUGHI

A mio parere questo è l'aspetto che più fa soffrire i miei coetanei che stanno fuggendo dalla Siria, così come i loro genitori. Molti di loro non hanno altra scelta che abbandonare tutto e partire, magari lasciando in patria un buon lavoro e una situazione che, fino allo scoppio della guerra, era positiva. Credo che per i genitori questa sia una sensazione terribile: tutto quello che uno ha costruito è stato distrutto dalle bombe o preso dai militari, chi aveva una carriera o almeno un buon impiego non è più in grado di far mangiare i propri figli se no portandoli lontano. Probabilmente è anche per questo che le famiglie dei profughi appaiono così unite: molti genitori hanno solo più i loro figli, e i ragazzi a loro volta hanno perso dei riferimenti importanti, come gli insegnanti e gli zii.

Temi svoltiGuida al tema sull'adolescenzaGuida al tema sull'immigrazioneGuida al tema sull'amiciziaGuida al tema sul femminicidioGuida al tema sul NataleGuida al tema sui social network e i giovaniGuida al tema sui giovani e la crisi economicaGuida al tema sul rapporto tra i giovani e la musicaGuida al tema sulla comunicazione ieri e oggiGuida al tema sulla famigliaGuida al tema sull'amore e l'innamoramentoGuida al tema sull'alimentazioneGuida al tema sullo sport e sui suoi valoriGuida al tema sulle dipendenze da droga, alcol e fumoGuida al tema sulla ricerca della felicitàGuida al tema sul bullismo e sul cyberbullismoGuida al tema sulla globalizzazioneGuida al tema sul razzismoGuida al tema sulla fame nel mondoGuida al tema sull'eutanasia e l'accanimento terapeuticoGuida al tema sulla libertà di pensieroGuida al tema sulla mafia