I libri e i ragazzi

Appunto inviato da david1990
/5

Tema del testo argomentativo: i libri e i ragazzi. Ipotizzando anche alcune soluzioni per incentivare la lettura... (2 pagine formato doc)

Perché i ragazzi leggono sempre meno Casati Davide V C 01/11/05 Perché i ragazzi leggono sempre meno? Cosa si potrebbe fare per incrementare la lettura? Scrivi un testo argomentativo su questo problema, ipotizzando anche alcune soluzioni per incentivare la lettura.
E' noto in questi anni che i ragazzi fra i cinque e i tredici anni leggono sempre di meno rispetto alle generazioni scorse. Se si guardano i dati si intuisce subito che la voglia di leggere da parte degli studenti è diminuita dell'11,4 per cento; infatti nel novantotto i bambini che avevano letto almeno un libro nell'ultimo anno erano il 71,4 per cento. Nel duemilauno i bambini sono passati al 60 per cento.
Questo è un dato allarmante perché con il trascorrere degli anni si presume che la percentuale diminuirà drasticamente per l'avvento di sempre più console portatili e programmi televisivi interattivi. Altre cause emerse direttamente dai ragazzi sono che il leggere stanca e richiede un comportamento attivo a cui la televisione non abitua; inoltre gli adulti italiani sono quelli che leggono meno in Europa e non invogliano certo i bambini a farlo. La scuola impegna sempre di più e il tempo materiale per leggere un libro non si ricava certo dalle due ore di televisione la sera con i genitori (si preferisce continuare le abitudini sedentarie che averne di nuove). Anche gli insegnanti non invogliano (o almeno lo invogliano a modo loro) il bambino a familiarizzare con i libri perché spesse volte impongono la lettura e pretendono dopo un lavoro scolastico oggetto di verifica in classe. Quindi i ragazzi associano al leggere il libro la fatica, dopo, di studiare e la pressione dell'interrogazione su quello. Inoltre si assegnano libri poco (anche per niente) interessanti per una mente del nostro secolo a cui non interessa come Marcovaldo (con tutto rispetto) fa la spesa, ma come si evolve il mercato del videogioco, le nuove tendenze, la musica o semplicemente una storia avventurosa ambientata ai giorni nostri. Indi secondo il mio parere per avere una generazione appassionata di libri bisogna prima iniziare a costruire una cultura in quella precedente. Infatti se i genitori leggessero libri, anche i figli, per volerli imitare, li leggerebbero; e se gli insegnanti non seguissero il metodo insegnatoli o che hanno subito dai loro stessi professori i bambini sfoglierebbero con più interesse i libri trattandosi di argomenti o racconti più attuali. Come emerso nelle cause anche il troppo lavoro a scuola impedisce di trovare il tempo per leggere un buon libro (dato che non si vuole rinunciare alle vecchie abitudini) e così ancora gli insegnanti potrebbero diminuire i compiti per favorire la lettura. Qualcuno così potrebbe obbiettare che i classici della letteratura perderebbero il loro valore educativo. Non se i classici della letteratura verranno letti in classe con l'aiuto del docente e spiegati passo per passo così che il bambino ne tragga interesse. Non sgridateli, mamme se vedete che i vostri fi