Taedium vitae: saggio breve sulla noia di vivere

Appunto inviato da andulin
/5

La fuga come via di scampo dalla noia di vivere (Taedium vitae), con cenni a Orazio, Lucrezio, Seneca, Baudelaire e Gide. Saggio breve sulla noia (1 pagine formato doc)

TAEDIUM VITAE: SAGGIO BREVE SULLA NOIA DI VIVERE

Il Taedium vitae e la fuga da sè stessi.

Spesso è l’unico modo per sfuggire all’angoscia.  A volte la fuga è solo ideale, altre volte si tratta di veri e propri viaggi. La fuga: un mezzo di evasione, una speranza di salvezza. Dal viaggio disperato nei vari paesi del mondo al rifugio nei paradisi artificiali baudelaireiani. Dalla fuga vera e propria a quella prettamente ideale, il viaggio di fantasia. Il tema della fuga come via di scampo alla noia è molto caro agli artisti di tutti i tempi. Se poniamo a confronto tre latini vediamo che ciò che li accomuna è proprio il modo di pensare riguardo alla fuga.
I tre latini in questione sono Orazio, Seneca e Lucrezio, che hanno trattato questo argomento, utilizzando a volte dei topoi letterari come l’idea del viaggio.

Tema sulla noia per Leopardi

TAEDIUM VITAE: ORAZIO

Osservando i passi dei tre grandi pensatori (v. pag. seguente)  notiamo che li accomuna la visione della vita: essa è un continuo affanno, una continua ricerca. Lucrezio lo chiama Taedium vitae, anche Seneca usa termini simili, Orazio parla di una “strenua inertia” … Tutti e tre si rivolgono ad un interlocutore più o meno fittizio cui spiegano, tramite esempi e citazioni, che il viaggio non può giovare al “malato” (chi ha in noia la vita è considerato tale); la visione di paesaggi esotici e la conoscenza di nuovi paesi non può sollevarlo dal suo male, poiché si tratta di un male interiore, che non dipende dal luogo in cui si trova, ma dal rapporto che ha con sé stesso.

La fuga dalla società: tesina per liceo linguistico

TAEDIUM VITAE: SENECA

«Perché ti meravigli che non ti giovino per nulla i viaggi, dal momento che ti sposti sempre con te stesso?», scrive Seneca… e questo basta a spiegare tutto…  
La noia di vivere è conosciuta da sempre, perché fa parte dell’indole umana: cambia il nome, ma il senso è sempre lo stesso. Lucrezio descrive alla perfezione questa insofferenza, questo odio per la vita, questa noia più forte di qualsiasi altra cosa, che fiacca e consuma giorno dopo giorno: «Sbadiglia immediatamente, come ha toccato la soglia della villa, o sprofonda pesantemente nel sonno e cerca l’oblio, o anche, con gran fretta, si dirige verso la città e torna a rivederla. In questo modo ciascuno fugge sé stesso, ma a quel sé stesso cui naturalmente, come avviene, non è possibile sfuggire, suo malgrado resta attaccato e lo odia».  
Spleen…. Di che si tratta? Dal dizionario Garzanti: «s. m. invar. nel linguaggio letterario, stato d'animo di profonda malinconia e insoddisfazione, quale soprattutto traspare dalle opere decadentiste.»

Tesina di maturità sul suicidio

TAEDIUM VITAE: SIGNIFICATO

È il termine designato da Charles Baudelaire per esprimere il Taedium vitae lucreziano. È quella sensazione di angoscia e insoddisfazione che non lo abbandonerà mai, fino alla morte. Tuttavia, a differenza dei tre latini o, come vedremo più avanti, di Andè Gide, egli cerca una via di scampo attraverso i “paradisi artificiali”. I paradisi in questione sono l’alcol, la droga, ma anche l’amore, visto nella sua duplice forma: passione e amore spirituale. Sperimentando ognuno di questi espedienti il poeta francese si rende pian piano conto che non c’è via di fuga dalla noia, dallo spleen, se non con la morte, che egli arriva ad invocare come unica salvezza.