La fede nei giovani: tema

Appunto inviato da 6pastorale
/5

Tema sulla fede nei giovani, traccia tema: "E' ancora importante la fede nella vita di un giovane? Quali sono, a tuo avviso, le ragioni della sua importanza o meno? Che cosa rappresenta nella tua vita personale?" (1 pagine formato doc)

LA FEDE NEI GIOVANI: TEMA

Terza liceo scientifico.

E’ ancora importante la fede nella vita di un giovane? Quali sono, a tuo avviso, le ragioni della sua importanza o meno? Che cosa rappresenta nella tua vita personale?
La fede è, a mio parere, un valore che costruisce gran parte della sua fortuna sulla tradizione, quantomeno per quanto riguarda l’Italia. Infatti, il fatto che da ormai duemila anni l’Europa sia cristiana, influisce molto sull’accettazione di questa dottrina da parte dei più. Pochi, secondo me, in particolar modo tra i giovani, si sono posti seriamente il problema di cosa significhi credere in Dio, del perché lo si faccia e di cosa, o chi, sia Dio stesso. Con ciò non voglio dire che nessuno lo faccia, ma molti, piuttosto che interrogarsi su un argomento complicato come questo, preferiscono accettarlo come dogma, oppure infischiarsene.

Cos'è la religione per me, tema svolto

RAPPORTO GIOVANI E CHIESA

C’è tuttavia qualcuno, pochi, purtroppo, ma sempre un certo numero, che, arrivato di fronte al bivio tra “credere” e “non credere”, non ha imboccato la via più battuta, per comodità, o quella che lo è di meno, per trasgressione, ma si è fermato per un certo periodo a riflettere su quale ritenesse la migliore.

Solitamente, per quanto ne so io, chi compie questa pausa, il più delle volte si risolve per la va del “non credere”, magari sbagliando, non scegliendo cioè ciò che veramente sarebbe meglio per lui. Molto rare sono, a mio avviso, quelle fedi genuine, che possano portare un ragazzo della mia età, dopo averci riflettuto, a fare la scelta consapevole di credere in Dio. Più frequentemente accade invece che, non riuscendo a trovare una spiegazione certa dell’esistenza di Dio, e non essendo disposto con la sola fede a colmare questo “vuoto di ragione”, ci si convinca dell’infondatezza di tutte le verità su cui si basa la religione e la si abbandoni.

Le religioni nel mondo: tesina

RAPPORTO GIOVANI E FEDE

Per quanto riguarda, invece, la stragrande maggioranza dei giovani, esaminare ogni singolo tipo di fede sarebbe impossibile; quindi, anche se un po’ inadeguatamente, sono costretto a generalizzare. La categoria che, secondo me, va per la maggiore, è quella di coloro che dicono «Io credo, ma non vado mai in chiesa». Il mio giudizio sarà condizionato dal mio punto di vista sull’argomento, ma io non riesco a sopportare questo tipo di persone. Ho profondo rispetto per coloro che, avendo idee differenti dalle mie, sono ben saldi su di esse, ma un po’ meno verso quelli che “ballano nel manico”, che sono, in questo caso, lì a metà tra credere e non credere, che non vogliono fare lo sforzo di prendere parte alle funzioni, ma che non osano, forse per paura di ritorsioni nel caso esistesse, negare l’esistenza di Dio. Ho fatto l’esempio della partecipazione alle funzioni religiose per la sua semplicità, ma non considero questo fatto, di per sé, sintomo di fede profonda, anche perché, nella mia mente, c’è una netta frattura tra religione e Chiesa, o, che dir si voglia, tra fede e Chiesa, comunque tra quel sentimento intimo che porta a credere e ad affidarsi interamente a qualcosa di superiore e lo sfruttamento dello stesso da parte di quella multinazionale…ma lasciamo perdere.

Tema sul Cristianesimo

TEMA SULLA RELIGIONE OGGI

Sta di fatto che, tra coloro che si dicono credenti, tolti quelli citati all’inizio, rimane una miriade di giovani che della religione non sa assolutamente nulla, che non si è mai posta problemi in merito, che conosce a malapena due preghiere da sfoderare a Natale o a Pasqua, ma che, nonostante tutto questo, si dice anche credente. E poi sgranano tanto d’occhi quando, casualmente giunti sull’argomento, li si informa del fatto che non si crede; ma quando si domanda perché invece loro lo facciano, spiazzati, non potendo dire «perché mi è stato insegnato così», non vanno oltre il «perché mi aiuta», «perché non penso che siamo soli», «perché credo che con la morte non possa finire tutto» e via di questo passo.

Temi svoltiGuida al tema sull'adolescenzaGuida al tema sull'immigrazioneGuida al tema sull'amiciziaGuida al tema sul femminicidioGuida al tema sul NataleGuida al tema sui social network e i giovaniGuida al tema sui giovani e la crisi economicaGuida al tema sul rapporto tra i giovani e la musicaGuida al tema sulla comunicazione ieri e oggiGuida al tema sulla famigliaGuida al tema sull'amore e l'innamoramentoGuida al tema sull'alimentazioneGuida al tema sullo sport e sui suoi valoriGuida al tema sulle dipendenze da droga, alcol e fumoGuida al tema sulla ricerca della felicitàGuida al tema sul bullismo e sul cyberbullismoGuida al tema sulla globalizzazioneGuida al tema sul razzismoGuida al tema sulla fame nel mondoGuida al tema sull'eutanasia e l'accanimento terapeuticoGuida al tema sulla libertà di pensieroGuida al tema sulla mafia