Tema sulle Olimpiadi antiche e moderne

Appunto inviato da feidhru
/5

Le Olimpiadi dalle origini ad oggi: tema che descrive le Olimpiadi antiche e le Olimpiadi moderne (2 pagine formato doc)

TEMA SULLE OLIMPIADI

Le Olimpiadi degli antichi e dei moderni. Storicamente l’inizio delle Olimpiadi è datato 776 a.C., anno da cui furono regolarmente annotati nome e città d’origine dei vincitori d’ogni gara.

Le Olimpiadi Antiche erano essenzialmente delle feste religiose, derivanti da un culto commemorativo collettivo dei grandi antenati fondatori e monarchi d’alcune città del Peloponneso. Più tardi, dopo circa un secolo, furono capaci di attrarre tutti i greci.
All'inizio le olimpiadi presentavano solo la gara di corsa di uno stadio, circa 192 metri ad Olimpia, quanto il perimetro della pista. Poi furono aggiunte altre gare di corsa, poi fu introdotta la prova del Pentathlon (corsa, salto in lungo, lancio del disco, lancio del giavellotto e lotta). Con questa disciplina prendeva forma l’Ideale sportivo dei greci antichi che collegava, in grande armonia, la forza con l’abilità e la bravura.

Saggio breve sulle Olimpiadi di Torino 2006

OLIMPIADI ANTICHE E MODERNE

Poi fu introdotto il pugilato: sport estremo perchè assolutamente non sicuro, ma, forse per questo, molto popolare. Poi fu la volta del "pancrazio", una lotta senza esclusioni di colpi. La gara più estrema, però, fu quella con i cavalli e i carri introdotta nella venticinquesima Olimpiade (680 a.C.). Le gare con i cavalli erano molto popolari ed anche sensazionali. Gareggiavano re, tiranni, ricchi, l’aristocrazia militare: costoro spendevano interi patrimoni per mantenere le scuderie. Il carro era leggero ed era trainato da quattro cavalli.
Potevano iscriversi solo cittadini greci, mentre erano esclusi gli schiavi e le donne, ammesse come spettatrici, solo se non erano ancora sposate. Per quattro settimane i concorrenti dovevano allenarsi sotto il controllo dei giudici, per dimostrare le proprie condizioni fisiche e la possibilità di ben figurare in gara. Terminati i preparativi, atleti, allenatori, giudici e accompagnatori vari si trasferivano a piedi ad Olimpia dove si svolgeva la cerimonia d’apertura, giuramento olimpico e accensione al fuoco sacro. Alle gare accedevano solo gli atleti migliori, selezionati nella fase preparatoria, che si affrontavano in eliminatorie, seminali e finali; i confronti erano sempre ad eliminazione diretta. Contava solo la vittoria: arrivare secondi era una sconfitta. Queste prove nei confronti del rituale rappresenterebbero più antiche forme di commemorazioni di grandi defunti, ma chiaramente si trattava più che di un’involuzione, in realtà costituiva la premessa per introdurre lo spettacolo di massa nella religione.

Tema sulle Olimpiadi

LE OLIMPIADI DALLE ORIGINI AD OGGI

Le gare si svolgevano in estate. Nel primo giorno delle Olimpiadi si svolgevano le cerimonie più propriamente religiose, fra cui un gran sacrificio a Zeus e agli altri dèi. Prima delle olimpiadi, gli annunciatori, incoronati con rami d’olivo selvatico, visitavano tutte le città conosciute del mondo greco ed annunciavano la "sacra tregua". Questa, fermava tutte le guerre, e aveva come scopo lo svolgimento regolare delle gare. Chi desiderava recarsi ad Olimpia, poteva attraversare con assoluta tranquillità anche città nemiche. Proprio per la sacra tregua, le gare Olimpiche hanno avuto un ruolo importante per l’unità nazionale e mentale dei Greci. In fondo, quando tutti o quasi i greci, si riunivano a distanza di tempi regolari alle feste ad Olimpia, in quell’occasione dimenticavano le loro incomprensioni e i loro modi diversi di sentire la realtà e davano importanza alle cose che li univano, come la lingua, le radici e la religione.
I vincitori dell’Olimpiade erano premiati l’ultimo giorno, durante una solenne cerimonia con una corona di foglie tagliate dall’ulivo sacro. Banchetti e festeggiamenti concludevano la manifestazione. Grandi onori e ricompense attendevano gli atleti vittoriosi, al ritorno in patria. La storia delle olimpiadi antiche termina nel 393 d.C., dopo oltre mille e cento anni, con la proibizione dei giochi, ritenuti pagani dall’imperatore romano Teodosio.