Destra e Sinistra storica: analogie e differenze

Appunto inviato da pessa23
/5

Appunto sulle caratteristiche dei governi di Destra e Sinistra storica subito dopo l'Unità d'Italia (3 pagine formato docx)

Il 17 marzo 1861 il parlamento italiano, riunitosi a Torino, proclamò Vittorio Emanuele II re d’Italia.
La nuova Italia unita presentava due problemi principali: un complessivo ritardo dello sviluppo economico e una grave frantumazione dal punto di vista politico, amministrativo e culturale, risultato di secoli di divisione politica e dominazione straniera. Nel Paese l’agricoltura, che occupava la maggioranza della popolazione attiva, era molto arretrata soprattutto al sud dove veniva ancora praticato il latifondo, facevano eccezione solo alcune zone della Pianura Padana e della Toscana; inoltre l’industria nazionale era fragile salvo poche fabbriche tessili e siderurgiche del nord. Leggi, codici e sistemi fiscali erano diversi da una zona all’altra del Paese.


L’analfabetizzazione era molto diffusa e soltanto un quarto della popolazione parlava la lingua italiana.
Le condizioni di vita dei contadini e dei pochi nuclei di operai erano pessime per l’insufficiente alimentazione e le cattive condizioni igienico-sanitarie che rendevano ancora molto diffuse malattie come colera, tifo e vaiolo debellate dagli altri paesi. Questa era l’Italia che, affacciandosi sulla scena internazionale, si trovava a competere con gli stati di grande forza economica e politica; inoltre questa era l’Italia che si trovarono ad amministrare, tra il 1861 e il 1896, i governi della Destra e della Sinistra Storica. 


Durante i primi quindici anni, dal 1861 fino al 1876, fu al governo la Destra, rappresentata da personaggi quali Cavour, Ricasoli e Minghetti. Dal 1876 al 1896, salvo brevi interruzioni, fu al governo la Sinistra di Depretis, Crispi e Giolitti. Quando si parla di Destra e Sinistra non bisogna pensare a due partiti ben distinti e contrapposti: in realtà le maggioranze su cui si appoggiarono i governi furono composte da elementi eterogenei provenienti sia da destra, sia da sinistra.