Scoperta dell'America: effetti sulla società europea

Appunto inviato da alluxx
/5

Cause e conseguenze della scoperta dell'America: tema sugli effetti che ha avuto sulla società europea (1 pagine formato doc)

SCOPERTA DELL'AMERICA EFFETTI SULLA SOCIETA' EUROPEA

Con la scoperta dell’America la civiltà europea comincia a fare i conti con l’Altro.

In che modo? Quale ideologia prevale in Italia sulla conquista? Esponi l’argomento in una relazione. Il rapporto tra Europa, Africa e Asia fu diverso da quello tra Europa e America, principalmente perché verso l’America c’era un sentimento di totale estraneità: prima del XVI secolo non se ne conosceva neppure l’esistenza, mentre già da tempo si conosceva l’esistenza di Africa e Oriente, si erano intrapresi commerci con alcune popolazioni e esplorati molti territori.

Tema sulla scoperta dell'America

CAUSE E CONSEGUENZE DELLA SCOPERTA DELL'AMERICA

La scoperta dell’America costrinse gli europei a confrontarsi con esseri umani con costumi totalmente sconosciuti e molto diversi dai loro e il confronto portò ad un acceso dibattito sulla figura degli indigeni americani. Da un lato ci fu un atteggiamento favorevole nei loro confronti in nome dell’universalismo cristiano e dei molti documenti e testimonianze che li descrivevano come generosi e docili, teoria sostenuta da Colombo nei suoi primi resoconti e in seguito da alcuni uomini di Chiesa tra i quali Las Casas, vescovo spagnolo che si impegnò nella loro difesa; altri invece pensavano come Sepulveda, scrittore spagnolo che sosteneva che gli indigeni non fossero propriamente esseri umani ma “humunculi”, servi per natura, giustificando così le atrocità e i saccheggi commessi dai conquistadores e la conversione forzata alla “civiltà” e al Cristianesimo.

Cause e conseguenze della scoperta dell'America

CAUSE E CONSEGUENZE DELLE SCOPERTE GEOGRAFICHE

Il primo serio tentativo di comprensione e dialogo con la cultura indigena fu quello del letterato Bernardino de Sahagun, vissuto in Messico dal 1529 al 1590, che per facilitare la conversione dei popoli indigeni al Cristianesimo si propose di conoscere le antiche religioni e di tramandare le lingue autoctone, ma la sua opera Historia general de las cosas de la Nueva Espana fu messa al bando dalle autorità spagnole.

In Italia, già prima della scoperta dell’America, la letteratura aveva spesso esaltato la conquista e la conversione degli altri popoli da parte dei Cristiani legittimandole come necessarie per sottrarre i pagani ai loro culti diabolici.

L’unico a prendere una posizione diversa fu Montaigne, che negò l’universalità di natura e morale e rifiutò la contrapposizione tra cultura e barbarie.
Solo nel ’700 il giudizio sull’America cambiò, soprattutto grazie alla tolleranza e all’apertura verso il relativismo culturale che portò l’Illuminismo.