Vita comune nel Medioevo: tema

Appunto inviato da symon88
/5

Tema di storia su come vivevano i contadini e i signori nel Medioevo e com'era la vita quotidiana nei villaggi (2 pagine formato doc)

VITA COMUNE NEL MEDIOEVO: TEMA

Vita comune nel Medioevo.

Città e villaggi. In seguito alle invasioni barbariche e alla caduta dell’impero Romano d’Occidente, le città erano in uno stato disastroso:lasciate in rovina dalle razzie, infestate dai briganti e dalle malattie.
Gli abitanti di molte città abbandonarono le loro case per rifugiarsi nei boschi, costruendo le loro nuove abitazioni e fondando così nuovi villaggi, liberi o intorno al castello di un ricco proprietario terriero per trovare protezione.
I villaggi costruiti intorno ai castelli entrarono presto a far parte della fortezza stessa. Vennero costruite mura difensive che chiusero i villaggi assieme al castello, bloccando i contadini che divennero schiavi del nobile del castello (incastellamento).
Tutti gli edifici che facevano parte dei villaggi, erano costruiti con i materiali che si potevano trovare in natura: pietre, legno, fango e tutto ciò che si poteva trovare per fissare il tutto (come lo sterco degli animali).

La chiesa nel Medioevo: riassunto

COME VIVEVANO I CONTADINI NEL MEDIOEVO

I villaggi erano composti dalle case dei contadini (che a loro volta erano suddivise in più parti),  e in alcuni casi c’era anche una piccola chiesa.

Le case dei contadini erano divise in più edifici all’interno di un unico recinto: era presente una struttura centrale dove si consumavano i pasti e si riuniva la famiglia (composta da pochi elementi, padre, madre e i figli che, una volta adulti, abbandonavano la casa dei genitori per costruirsene una propria); c’era un forno all’esterno, un altro edificio adibito a magazzino o stalla e la latrina della famiglia; tutti gli edifici avevano il pavimento in terra battuta e non sempre avevano finestre.

La figura delle donne nel Medioevo: tesina

USI E COSTUMI NEL MEDIOEVO

Contadini e signori
I contadini, “vittime” dell’incastellamento, erano soggetti a tantissime tasse, restrizioni e obblighi verso il signore, ma nemmeno i villaggi che erano fuori dalle mura dei castelli potevano esentarsi dalle tasse dei signori vicini.
La selvaggina migliore era intoccabile per i poveri abitanti del villaggio, che dovevano accontentarsi di ciò che il signore lasciava loro; per poter pescare dovevano pagare una tassa, inoltre, in alcuni periodi dell’anno, erano obbligati a lavorare per il signore senza essere pagati (corvées).
La vita dei contadini era quindi molto dura anche perché non erano soltanto vittime dei briganti, ma anche delle razzie dei vari signori che erano continuamente in lotta tra di loro.
Date le continue battaglie, la vita dei nobili si basava fondamentalmente sulle abilità di combattimento; parte dei divertimenti dei nobili, erano infatti una sorta di allenamento: la caccia affinava l’abilità con l’arco e la capacità di tenere agguati. Poi si allenavano con la spada.

Donne nel Medioevo: saggio breve

COME SI VIVEVA NEI CASTELLI MEDIEVALI

I nobili, quando non guerreggiavano tra di loro, organizzavano dei giochi: solitamente duelli fra i loro campioni o gare di abilità con le armi.
Ma i signori dei castelli non vivevano di sole battaglie, visto che nelle loro fortezze si tenevano ricchi banchetti allietati dai giullari o dai cantastorie. Portate di selvaggina, pesce e prodotti provenienti da terre lontane erano sempre presenti sulle tavole; purtroppo però, questi alimenti non erano sempre freschi, infatti carne avariata e pesce marcio erano coperti di spezie per nascondere il fetore, e le intossicazioni alimentari non erano rare.
Anche i contadini facevano i banchetti durante le feste paesane, che erano numerose.
I contadini non potevano svolgere la loro attività agricola durante l’inverno e, a parte raccogliere i frutti dalle foreste e cacciare i pochi animali permessi, restava molto tempo libero. Questo tempo veniva “ammazzato” dai giorni di festa che spesso c’erano nei villaggi, ai quali partecipavano i mercanti provenienti dalle città o dai paesi lontani.

Temi svolti| Guida al tema sull'adolescenza| Guida al tema sull'immigrazione| Guida al tema sull'amicizia| Guida al tema sul femminicidio| Guida al tema sul Natale| Guida al tema sui social network e i giovani| Guida al tema sui giovani e la crisi economica| Guida al tema sul rapporto tra i giovani e la musica| Guida al tema sulla comunicazione ieri e oggi| Guida al tema sulla famiglia| Guida al tema sull'amore e l'innamoramento| Guida al tema sull'alimentazione| Guida al tema sullo sport e sui suoi valori| Guida al tema sulle dipendenze da droga, alcol e fumo| Guida al tema sulla ricerca della felicità| Guida al tema sul bullismo e sul cyberbullismo| Guida al tema sulla globalizzazione| Guida al tema sul razzismo| Guida al tema sulla fame nel mondo| Guida al tema sull'eutanasia e l'accanimento terapeutico| Guida al tema sulla libertà di pensiero| Guida al tema sulla mafia