Federico Garcia Lorca e l'Andalusia

Appunto inviato da krisneworder
/5

Il rapporto del poeta con la sua terra natia, l'Andalusia, all'interno delle sue opere (3 pagine formato doc)

FEDERICO GARCIA LORCA ANDALUSIA

Nella sua edizione critica al Poema del cante jondo y Romancero gitano, Juan Caballero afferma a proposito dell’opera di García Lorca:
Su creación poetica señala, más que una trayectoria, un florecimientos de temas, intuiciones y obras, cuyo gérmenes estaban ya en su primer libro de poemas.

Dentro de este florecimientos notamos dos factores determinantes que caracterizan todas sus obras poeticas, [...] dos presencias, que son: por un lado la presencia de Andalucía, y por otro la constancia de creación que a veces se manifiesta como innovación.  
Di queste due presenze, quella che si manifesta con maggior frequenza è senza dubbio quella dell’Andalusia.
Essa infatti rappresenta una costante nell’equazione poetica lorchiana. Andalusia, «el ombligo de occidente», antica terra alla pari di Grecia e Roma, patria di imperatori e filosofi, terra di fusione tra oriente ed occidente, tra sacro e profano, culla di un’antica cultura millenaria che in nessun altro poeta come in Lorca ha trovato una tale espressione, tanto da poter dichiarare che egli ne sia il “cantor mayor”.

FEDERICO GARCIA LORCA POESIE

«Andalucía lorquiana: cante muy hondo y altísimo canto»  così il poeta e amico di Lorca, Jorge Guillén, descrive l’essenza dell’Andalusia cantata dal poeta.
In uno studio critico sul Romancero Gitano, Oreste Macrì afferma che il poeta «compie un viaggio sotterraneo nelle viscere della sua Andalusia, scuoiando la terra e gli uomini, intento al detrás e al más allá, cioè alla verità originaria, ai ceppi della cultura andalusa, dell’allegria e della luce, della musica e del colore».
In effetti l’andalusismo di Lorca è stato manifestato ampliamente da parte della critica. Jaroslaw M. Flys, basandosi sulle teorie di Ortega y Gasset riguardo l’Andalusia, segnala che nella poetica lorchiana sono presenti le caratteristiche e gli elementi propri della poesia andalusa: «ya en la infancia, Andalucía hizo la conquista del alma tierna y sensible del futuro poeta».  Christoph Eich afferma che «Lorca, en su totalidad, como hombre y como poeta, es parte integrante de su pueblo –Andalucía, España– ha encontrado su voz en él».  Pedro Salinas gli attribuisce il merito di «haber organizado en visiones poéticas integradoras y en niveles de superior categoría lírica ese constante dramatismo popular andaluz». 

Federico Garcia Lorca: biografia e opere

FEDERICO GARCIA LORCA OPERE

In sostanza, quando si parla di Lorca, bisogna parlare di Andalusia, così come quando si parla dell’Andalusia non si può non citare Lorca. Ma quale Andalusia fa trapelare Lorca dalle sue opere? Questa domanda è lecita in quanto bisogna distinguere tra l’Andalusia che Lorca vede, descrive e incarna e l’Andalusia di impronta romantica, fatta di luoghi comuni ed elementi popolari, tra l’Andalusia vera e quella di panderetas (“tamburelli”).
Ortega, nel suo articolo Teoría de Andalucía, afferma: «Lo admirable, lo misterioso, lo profondo de Andalucía está más allá de esa farsa multicolor que sus habitantes ponen antes los ojos de los turistas».  Dunque questo problema rivela una visione biforcata dell’identità andalusa, come se l’Andalusia de panderetas e la Andalusia della cultura millenaria, fossero le due facce della stessa medaglia. Il popolo andaluso «se complace en darse espectáculo