Tra Liberalismo e Comunitarismo: tesi

Appunto inviato da fenilxxx
/5

Tesi di laurea di Scienze politiche sul Liberalismo e Comunitarismo (133 pagine formato doc)

TRA LIBERALISMO E COMUNITARISMO

Capitolo I. Tra liberalismo e comunitarismo
…non possiamo mai né atteggiarci
a difensori radicali del multiculturalismo
o dell’individualismo,
né essere semplicemente
comunitaristi o liberali,
modernisti o postmodernisti;
dobbiamo essere, al contrario,
ora una cosa ora l’altra,
a seconda delle circostanze
legate alla ricerca dell’equilibrio”. 
I.

1 Introduzione. Il dibattito tra liberali e comunitaristi sta dominando lo scenario filosofico-politico contemporaneo, e in particolare il ramo che si occupa dell’elaborazione delle “teorie della giustizia”.

Liberalismo progressista e Giolitti: riassunto

COMUNITARISMO SIGNIFICATO

Questi due movimenti intellettuali non hanno un’origine simultanea ed autonoma, in quanto il comunitarismo è un fenomeno molto più recente, che risale approssimativamente alla fine degli anni settanta e all’inizio degli anni ottanta, e soprattutto nasce come vera e propria “sfida” ai presupposti fondamentali del liberalismo, considerato nella sua globalità, come teoria filosofico-politica della democrazia, della giustizia, dell’individuo e della società.
Autori comunitaristi, come Michael Sandel, Alasdair MacIntyre, Charles Taylor e, sotto certi aspetti Michael Walzer, criticano aspramente la risposta che i liberali offrono alla crisi che attanaglia le società contemporanee, crisi che si esplica in una sempre più labile integrazione sociale e in una crescente conflittualità tra gruppi e dissociazione di individui.
Nonostante la critica comunitarista alle concezioni liberali coinvolga svariati fronti, ci soffermeremo, per necessità di analisi, su tre questioni fondamentali : la critica della concezione del sé presupposta dal liberalismo; la critica della neutralità della giustizia e della priorità del giusto sul bene; la critica della tolleranza intesa in senso liberale.

Il Socialismo: riassunto e definizione

COMUNITARISMO SANDEL

I.

2 Critica della nozione liberale del sé. Uno degli aspetti più contestati dagli autori comunitaristi è rappresentato dalla tesi presupposta dal liberalismo, in base alla quale l’individuo è in grado di essere razionale semplicemente aderendo a principi teorici, privi di connotati storici o contestuali.
In particolare, ci si riferisce al cosiddetto “unencumbered self” elaborato da John Rawls nella sua opera fondamentale “ A Theory of Justice” ; il filosofo infatti, al fine di individuare dei principi di giustizia che siano il più possibile “incontaminati” da giudizi di valore particolaristici e contestuali, elabora la nozione di soggetto, appunto, “unencumbered”, ossia libero, non radicato in alcun cemento e collocato nella cosiddetta “posizione originaria”. Tale individuo, secondo Rawls, ha soltanto due facoltà: la ragione e il desiderio di giustizia, che gli permetterebbero di compiere delle scelte eque, nel rispetto dei suoi simili.

Approfondisci: Tutto sul pensiero politico