Arte bizantina e mosaico

Appunto inviato da tomva
/5

Approfondimento di storia dell'arte sulle caratteristiche dell'arte bizantina e la tecnica del mosaico (5 pagine formato doc)

ARTE BIZANTINA E MOSAICO

Arte bizantina e l'importanza del mosaico.

All'arte bizantina si fanno appartenere quelle opere artistiche e architettoniche
risalenti al periodo del|'impero bizantino (definito anche impero romano d'Oriente) la cui capitale era Costantinopoli, l'antica città greca di Bisanzio, così ribattezzata dall'imperatore romano Costantino nel 330 d. C.
Dopo il collasso dell`impero romano d'Occidente nel 476, quella orientale continuò a esistere per un altro millennio,durante il quale l'arte bizantina si diffuse nel bacino del Mediterraneo e in Armenia.

Arte bizantina: caratteristiche principali

ARTE BIZANTINA: CARATTERISTICHE

Per questo, nonostante le razzie operate dai conquistatori turchi a Costantinopoli nel XV secolo, ci sono rimaste testimonianze sufficienti a comprenderne la sviluppo. Gran parte dell'arte bizantina, incontro della tradizione tardo-romana e di quella tardo-ellenistica presenta una tendenza verso la composizione armonica di forma, colore, luce e spazio, che la predispone a un'astrazione simbolica dei contenuti
rappresentati.
I suoi precedenti risalgono al III secolo d. C., quando lo stile semplificato e ieratico dell'antico Oriente tornò a rivivere negli affreschi ebraici e pagani del remoto avamposto romano di Doura Europos, sull'Eufrate, o nelle decorazioni dei primi monasteri copti dell'Alto Egitto e della Siria; nelle due maggiori città della regione, Antiochia e Alessandria, rimaneva invece in voga lo stile greco-ellenistico, più naturalistico.

Arte bizantina: riassunto breve

ARCHITETTURA BIZANTINA: CARATTERISTICHE

Queste radici classiche non vennero mai completamente dimenticate e continuarono a essere fonte di ispirazione e rinnovamento, anche se subirono nel tempo una serie di trasformazioni. L'arte cristiana del III e IV secolo riproponeva ancora lo stile e le forme del paganesimo classico, come la statuaria, che enfatizzava la tangibile presenza fisica della divinità.
Con l'affermarsi del cristianesimo, gli artisti orientali cercarono invece di evocare le caratteristiche spirituali delle immagini sacre. Pittori e mosaicisti cominciarono a tralasciare il modellato dei corpi per non suggerire realisticamente la forma umana; la produzione statuaria fu quasi completamente abbandonata dopo il V secolo e la scultura si limitò alla lavorazione dell'avorio a bassorilievo, che minimizzava gli effetti tridimensionali.

Arte bizantina: caratteristiche e tecnica

MOSAICO BIZANTINO: TECNICA

I mosaici erano il tipo di decorazione più frequente per le pareti e le volte delle chiese bizantine, perché l`effetto luminoso prodotto dalle tessere in vetro colorato o dorato esprimeva bene il carattere mistico del cristianesimo ortodosso, e la loro ricchezza e preziosità si accordava con la magnificenza della corte dell'imperatore, considerato il capo della Chiesa e quindi venerato come rappresentante di Cristo sulla terra.
Ma .... che cos‘é un mosaico?
Per mosaico si intende un' opera artistica e decorativa che si ottiene accostando piccoli frammenti di vari materiali duri. Questo tipo di decorazione si adatta
soprattutto a grandi superfici lisce quali pavimenti, pareti, volte o soffitti. Può tuttavia essere usato anche per impreziosire pannelli e oggetti di piccole dimensioni.