Andy Warhol: biografia e opere in breve

Appunto inviato da beci23
/5

Presentazione powerpoint su Andy Warhol: biografia, immagini e spiegazioni delle sue opere piu famose (18 pagine formato pps)

ANDY WARHOL: BIOGRAFIA E OPERE

Andy Warhol.

La vita, la pop art, le tecniche e le opere. La vita. Vero nome Andrew Warhola nasce a Pittsburgh nel 1928 da immigrati rumeni. 1945-1949: Carnegie Institute of Technology: studia design, sociologia, psicologia, storia dell’arte. 1949: lavora per “Vogue”, “Harper’s Bazaar”, allestisce vetrine di Bonwit Teller, realizza pubblicità per le scarpe Miller. 1960: prime pitture di fumetti e loghi pubblicitari.
1962: prime opere con l’utilizzo del procedimento serigrafico. 1963: realizza primo film “Sleep”. 1968: aggredito e ferito dall’unico membro della “Società per l’Eliminazione del Maschio” S.C.U.M. 1969: crea la rivista “Interview”. 1972: ricomincia a occuparsi di ritratti. 1980: produttore della Andy Warhol’s Tv via cavo. 1987 22 febbraio muore in seguito ad un banale intervento chirurgico alla cistifellea. 1989: Museum of Modern Art di New York retrospettiva a lui dedicata.

Andy Warhol: biografia e opere

ANDY WARHOL: BIOGRAFIA BREVE

Le tecniche. Nel ’49 inizia a lavorare come grafico pubblicitario. Adotta la tecnica della serigrafia (‘62). Nel mezzo cinematografico troverà l’ideale processo produttivo del reale. All’inizio degli anni ’70 si dedica al mondo dei fumetti e della pubblicità. In quegli anni la scena era dominata da espressionismo astratto e Action Paint. Sceglie di raffigurare la realtà che lo circonda sia raffigurando prodotti di consumo sia personaggi famosi.

ANDY WARHOL: OPERE

Le opere. 1962 Caseina, pittura a spray e pastello su tela Buffalo, Albright-Knox Art Gallery. “L’idea dell’America è meravigliosa, perché più una cosa è uguale, più è Americana.”. Marilyn. 1967 Serigrafia su carta New York, The Andy Warhol foundation. “Quanto al fatto se sia meno simbolico dipingere la Monroe con colori così violenti: la bellezza, e lei è bella, e se qualcosa è bello, i colori sono belli, ecco tutto. O qualcosa di simile.”