Le principali teorie evolutive: tesina di biologia

Appunto inviato da lumji
/5

Esauriente tesina sulle principali teorie evolutive prima di Darwin: Carlo Linneo e il creazionismo, Georges-Louis Buffon, James Hutton, William Smith, Georges Cuvier e il catastrofismo, Jean-Baptiste de Lamarck e le differenze tra la teoria evoluzionistica di Lamarck e quella di Darwin (6 pagine formato doc)

LE PRINCIPALI TEORIE EVOLUTIVE: TESINA DI BIOLOGIA

Relazione di Biologia…Niente ha senso in biologia, se non alla luce dell’evoluzione…
Cenni storici.

L’idea che le forme viventi possano essere derivate da altri organismi, vissuti in precedenza, fece la sua comparsa già in tempi antichi.
Il filosofo Anassimandro riteneva che gli uomini derivassero da pesci; il filosofo greco Aristotele poneva invece tutte le forme naturali entro uno schema gerarchico immutabile, la “Scala naturae”, che andava dalle forme più semplici a quelle più complesse, sino ad arrivare all’uomo.
Carlo Linneo & il creazionismo (1707-1778). Naturalista svedese che sviluppò la nomenclatura binominale per la classificazione sistematica degli organismi viventi.
Fino al XVIII secolo, l’idea che risultò dominante fu quella della teoria del creazionismo secondo la quale vi era la fissità della specie, cioè della loro immutabilità e della loro formazione per intervento divino.

Tutto su Charles Darwin

Teorie evolutive prima di Darwin: riassunto

TEORIE EVOLUTIVE BIOLOGIA

Del 1735 è la prima edizione del Systema naturae, in cui Linneo espose per la prima volta i suoi criteri di classificazione tassonomica dei regni animale, vegetale e minerale; ma le sue idee creazioniste, che trovarono in breve tempo larga diffusione, determinarono una resistenza della comunità scientifica alle ipotesi evoluzionistiche. Nel 1751 pubblicò Philosophia Botanica, opera che esercitò una grande influenza su molti suoi contemporanei. Dimostrò che le piante si riproducono sessualmente e stabilì i nomi delle parti dei fiori. Il suo sistema tassonomico era suddiviso in 5 categorie: varietà, specie, genere, ordine e classe (suddivisione che già esistevano, ma non erano mai state usate in modo congiunto sino ad allora). Prima di Linneo le specie erano descritte dal nome del genere, seguito da una descrizione per esteso della specie: egli sostituì questo sistema con una nomenclatura binominale più agile e precisa, in cui anche la specie era individuata da un unico termine. I metodi in vigore attualmente si fondano ancora sulla nomenclatura binominale di Linneo, anche se la classificazione si è nel tempo arricchita di criteri moderni.

Teorie evolutive di Lamarck e Darwin a confronto


TEORIE EVOLUZIONISTICHE PRIMA DI DARWIN: GEORGES-LOUIS BUFFON

Georges-Louis Buffon (1707-1788). Il XVIII secolo fu un periodo di scoperte nel campo della geologia; furono trovati numerosi reperti fossili, che sembravano testimoniare la passata esistenza di organismi anche molto diversi da quelli attuali.
Fu anche osservato che vi era corrispondenza tra fossili e strati rocciosi e che si ritrovavano le forme fossili più simili agli organismi viventi. Georges-Louis Buffon, naturalista francese, fu l’autore di uno dei primi compendi di storia della biologia e della geologia che si stacchi dalla visione biblica. Egli formulò che tutti i viventi si fossero originati da un esiguo numero di specie e che fossero stati “prodotti del tempo”. La sua teoria incontrò molte resistenze anche perché a quel tempo si riteneva che l’età della Terra fosse di sole poche migliaia di anni, come si desumeva dalla lettura del Vecchio Testamento.
James Hutton (1726-1797). Studiò chimica e medicina, dotato di una straordinaria e acuta capacità osservativa giunse ad elaborare originali teorie. Due elementi della sua personalità gli permisero di costruire la sua sintesi geologica: da un lato la non interpretazione letterale della Bibbia e dall'altra l'influenza delle idee di Newton.

Teorie evoluzionistiche di Lamarck e Darwin: tesina


TEORIE EVOLUZIONISTICHE DI LAMARCK

A differenza delle precedenti teorie sulla Terra, quella di Hutton non riguardava per niente l’origine della Terra. La sua teoria fornisce semplicemente una spiegazione di come funziona la Terra, non una discussione su come si sia formata. Fondamentale, per questa teoria, era la concezione di Hutton del tempo geologico. Egli respinse la misura del tempo basata sulla Bibbia, ritenuta valida dalla maggior parte dei teorici precedenti, e sostenne invece che la Terra era molto antica. Hutton infine accettò la realtà dell’erosione e risolse il problema che questa poneva con la distruzione continua e incessante ammettendo che la Terra possedeva al suo interno un meccanismo per riformarsi, giungendo a formulare una sequenza ciclica: la sequenza di erosione, trasporto, sedimentazione, sollevamento si può ripetere finché la Terra esiste.

Approfondisci Charles Darwin: biografia e teoria dell'evoluzione