Nanotecnologie: perchè e come?

Appunto inviato da donzella94
/5

Tesina maturità che punta alle opportunità future, con un'esperienza di laboratorio fatta da me e approfondimenti della strumentazione utilizzata (16 pagine formato doc)

1. WHAT ARE NANOTECHNOLOGIES?
They include an area of technology where dimensions and tolerances between 0.1nm and 100nm play a critical role.
Through their use, it is possible create new functional materials, devices and systems with extraordinary properties arising from their structure, and implement quality and characteristics of products and existing processes.
Nano-structured materials can be created through two basic approaches: "bottom up" and "top down".
The first refers to the ability to assemble the nano-structured material from nanoparticles that it is form.
This type of approach is especially used in biology, medicine and chemistry.   The second consists in realizing micro and nanostructures from solid block of material with lithographic techniques, or by reducing with physical-chemical methods the size of the starting structures, lead to nanometer level. This approach is most commonly used for the creation of nano-structured materials and it is mainly applied in electronics and metallurgy/steel industry


Cosa sono le nanotecnologie?
Esse comprendono l’area della tecnologia dove le dimensioni e le tolleranze tra i 0,1 nm ei 100nm giocano un ruolo critico.
Attraverso il loro uso è possibile creare nuovi materiali funzionali, strumenti e sistemi con straordinarie proprietà derivanti dalla loro struttura, ed implementare qualità e caratteristiche di processi e prodotti esistenti. 


I materiali nanostrutturati possono essere creati attraverso due approcci fondamentali:”bottom up” e “top down”. Il primo si riferisce alla capacità di assemblare il materiale nanostrutturato a partire dalle nanoparticelle che lo costituiranno. In biologia, biomedicina e chimica si usa per lo più questo tipo di approccio. Il secondo consiste, invece, nella costruzione di micro e nanostrutture a partire dal blocco massiccio di materiale con tecniche di tipo litografico, oppure riducendo con metodi fisici-chimici le dimensioni delle strutture iniziali portandole a livello nanometrico. Questo metodo è quello più comunemente utilizzato per la creazione di materiali nanostrutturati e trova i principali impieghi in applicazioni elettroniche e metallurgiche.