Le imprese industriali: tesina

Appunto inviato da valentinapa
/5

Tesina sugli aspetti generali e le strategie delle imprese industriali: aspetti strutturali e organizzativi, classificazione e localizzazione, aree funzionali, cicli dell'attività aziendale, strutture, reddito e patrimonio (4 pagine formato doc)

LE IMPRESE INDUSTRIALI: TESINA

Aspetti generali e strategie delle imprese industriali: tesina di economia.

Le AZIENDE INDUSTRIALI, che appartengono al settore secondario,svolgono un’attività rivolta alla trasformazione materiale di determinati beni o servizi, detti fattori produttivi, in altri beni (prodotti finiti o intermedi), il cui valore è maggiore rispetto a quello dei fattori trasformati.
Classificazione delle aziende industriali.
In relazione al ramo di attività:
•    Alimentari
•    Tessili o dell’abbigliamento
•    Delle pelli, del cuoi e delle calzature
•    Dell’arredamento
•    Meccaniche
•    Metallurgiche
•    Petrolchimiche
•    Della carta e poligrafe
In riferimento alle dimensioni:
•    Piccole
•    Medie
•    Grandi
Per determinare le dimensioni si fa riferimento all’entità del capitale, all’ammontare degli investimenti, al volume di produzione e di vendita e al numero dei dipendenti.
In relazione alla forma giuridica:
•    Aziende individuali
•    Società (di persone e di capitali).

Crisi delle imprese industriali: tesina

LE CARATTERISTICHE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

In relazione agli aspetti tecnico-organizzativi del processo produttivo si distinguono aziende con produzione:
•    A flusso continuo (gli aziende producono senza interruzioni elevate quantità di beni uguali e gli impianti hanno un costo elevato perché vengono utilizzati in un unico processo.

La loro struttura produttiva è caratterizzata da un’elevata rigidità, automazione diffusa e svolgimento del ciclo completo di lavorazione)
•    Discontinua, su commessa o su progetto (fabbricazione di beni aventi caratteristiche fisico-tecniche e qualitative specifiche, definite da un progetto richiesto da un cliente)
•    In serie (realizza prodotti standardizzati di largo consumo ed è un tipo di produzione ripetitivo)
•    A lotti (produzione di quantitativi di prodotti (lotti) uguali tra loro ma differenti dagli altri lotti)
•    Affiancata o parallela (tipologia intermedia tra la produzione in serie e quella su commessa)
In base alla varietà del prodotto:
•    Monoprodotto (processo specializzato in un solo prodotto)
•    Multiprodotto (producono più di un bene)
•    Congiunte (caratterizzate da un unico processo produttivo da cui si ottengono contemporaneamente più prodotti differenti)
•    Connesse (produzione congiunta di più articoli per motivi di convenienza economica).

Caratteristiche delle imprese industriali: riassunto

CLASSIFICAZIONE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

In relazione al modo in cui viene stabilità e quantificata la produzione
•    Su previsione o per il mercato (la produzione dipende dalle previsioni di vendita, cioè il collocamento sul mercato)
•    Su ordinazione o su commessa (è determinata dall’ordine del cliente)
La realtà economico-produttiva contemporanea è caratterizzata dal cosiddetto DECENTRAMENTO PRODUTTIVO. Si è assistito alla nascita di imprese industriali che lavorano per conto terzi (terziste). Esse si occupano della produzione di un determinato componente e permettono all’azienda committente di fronteggiare gli improvvisi incrementi della domanda senza incrementare la capacità produttiva.
L’ESTERNALIZZAZIONE del processo produttivo può avvenire attraverso l’OUTSOURCING o il contratto di subfornitura e consente alle aziende di concentrarsi nel suo core business, e cioè sull’are di attività peculiare nella quale opera tradizionalmente.