Le banche, economia aziendale: tesina

Appunto inviato da cassy14
/5

Tesina di economia aziendale sulle banche: definizione, funzioni, l'attività bancaria e la crisi finanziaria del 2008 (30 pagine formato pdf)

LE BANCHE, ECONOMIA AZIENDALE: TESINA

Tesina di economia aziendale sulle banche.

Dai "trapezisti" all'Home Banking. Sommario: origini della banca; cos'è una banca, funzioni della banca, sistema bancario italiano, bilancio bancario, stato patrimoniale bancario, conto economico bancario, crisi finanziaria del 2008, effetti della crisi economica, computers in banks, l'evoluzione tecnologica.
Introduzione. L'esperienza di stage, intrapresa durante il mese di Agosto presso la Banca Popolare di Sondrio a Busto Arsizio, mi ha permesso di scoprire una realtà fino ad allora poco conosciuta: quella della banca.
Lavorando a contato diretto con la clientela e con la dirigenza, ho potuto osservare da vicino e comprendere come il ruolo delle banche sia fondamentale nella nostra società sia per le famiglie che per le imprese, soprattutto in un momento di recessione economica come quello che stiamo attraversando.

Tesina di maturità sulle banche nelle economie avanzate


LA BANCA E LE SUE FUNZIONI

L’aspetto che più mi ha colpito durante la mia attività riguarda il rapporto tra la banca e la propria clientela: da una parte i risparmiatori che affidano i propri capitali alla gestione dell’istituto, dall’altra le aziende che di quel capitale fanno richiesta per i loro investimenti.
Ebbene, non mi sarei aspettata che, nell’era della tecnologia e dello sviluppo informatico in cui i rapporti vengono in gran parte gestiti tramite la rete, la fiducia reciproca tra coloro che alla banca si rivolgono per richiederne i servizi e gli operatori degli istituti di credito sia tuttora un elemento irrinunciabile così come alle origini.
Anche la sicurezza e l’interfaccia rivestono un ruolo importante nella gestione dei rapporti con i clienti, dal momento che l’introduzione dell’home banking, che sostituisce il rapporto verbale e interpersonale, può creare incertezza ed indurre in errore le persone non abituate all’uso della tecnologia.

Le banche: riassunto


LE BANCHE: TESINA

Capitolo 1 Le origini della banca. 1.1 – La storia. Le funzioni di deposito e prestito hanno origini antichissime, già con i Sumeri e gli antichi Greci, denominati Trapezisti.
La nascita delle banche deriva dal bisogno dei risparmiatori di affidare in mani sicuri i propri capitali. I primi tassi di interesse applicati furono del 16-18%. I contratti erano stipulati a voce e gli unici documenti scritti erano i registri contabili dei trapezisti. All’epoca, le somme depositate venivano custodite nei Templi, considerati luoghi sicuri.

L'attività bancaria: riassunto


LA BANCA: DEFINIZIONE

Nel Rinascimento, oltre alle normali funzioni di prestatori, custodi e cambiavalute, i banchieri fiorentini assunsero anche quella di garanti dei pagamenti: le prime banconote messe in circolazione avevano, infatti, la funzione di titoli di credito, simile a quella degli assegni bancari che incorporavano il diritto a riscuotere la somma indicata sulla banconota stessa. L’invenzione della banconota permise ai mercanti fiorentini di svolgere le attività commerciali molto più agevolmente, non avendo più la necessità di viaggiare recando con sé grandi quantità di oro. All'inizio del XV secolo, Firenze, contava un'ottantina di banche che facevano prestiti a monarchi, imperatori e papi e gestiva un volume di affari superiore a quello dell'intera Inghilterra. La prima banca in senso moderno fu il "Banco di San Giorgio" nato a Genova nel 1406 che per prima volta si occupò della gestione del debito pubblico. La banca di più antica tradizione è il “Monte dei Paschi di Siena” fondato nel 1472.

Economia aziendale: tesina di maturità


ATTIVITA' BANCARIA

1.2 – Il ruolo del sistema bancario nelle due Grandi Guerre. Durante la prima guerra mondiale, il ruolo delle banche era quello di finanziare con prestiti a medio e lungo termine le industrie belliche e i settori collegati; alla fine del conflitto, però, numerose imprese, che avevano avuto una notevole espansione, manifestarono difficoltà a restituire i mutui accesi in precedenza. Ciò provocò l'impossibilità per le banche di rimborsare i risparmiatori, i quali si presentarono in massa a prelevare, a seguito della pesante crisi economica e dell’elevatissimo tasso d'inflazione provocato dalla guerra.