Tesina sulla resistenza fisica

Appunto inviato da openwoundss
/5

Percorso di educazione fisica che comprende la descrizione della resistenza fisica, le diverse classificazioni della resistenza e i metodi di allenamento (4 pagine formato doc)

TESINA SULLA RESISTENZA FISICA

La resistenza.

La resistenza può essere definita come la capacità di protrarre un’attività fisica nel tempo senza che diminuisca l’intensità di lavoro.
Può essere classificata nei seguenti modi.
Classificazione in base alla quantità e tipologia dei muscoli coinvolti:
-Resistenza generale: si riferisce alla capacità di eseguire per un lungo tempo un’ attività fisica che impegna, assieme all’apparato cardiorespiratorio, gran parte delle masse muscolari;
-Resistenza locale: è la capacità di una limitata parte della muscolatura di eseguire un lavoro a lungo;
-Resistenza specifica: è il particolare tipo di resistenza richiesto per eseguire lo specifico gesto di gara di una disciplina sportiva.

Resistenza: significato di fisica

RESISTENZA AEROBICA E ANAEROBICA

Classificazione in base ai meccanismi energetici utilizzati:
-Resistenza aerobica: il lavoro muscolare compiuto proviene prevalentemente dalla combustione di glucidi o grassi. Il lavoro muscolare può essere protratto per lunghissimo tempo e le tensioni muscolari sviluppate sono piuttosto basse;
-Resistenza anaerobica: la trasformazione dei substrati (glucidi, grassi e proteine) avviene in assenza di ossigeno.

Il meccanismo sollecitato principalmente è quello lattacido e le tensioni muscolari, di media intensità, possono essere protratte per un tempo relativamente lungo.
Classificazione in funzione della durata:
-Resistenza di lunga durata: attività aerobica con prevalente impegno degli apparati cardiocircolatorio e respiratorio. Il tempo di durata dell’impegno organico e muscolare supera gli 8 minuti, per proseguire anche 2-3 ore;
-Resistenza di media durata: coinvolge sia il meccanismo aerobico che quello anaerobico-lattacido. Il lavoro può durare da 2 a 8 minuti circa;
-Resistenza di breve durata: è predominante l’impegno del meccanismo anaerobico-lattacido. Richiede un buon sviluppo della resistenza alla forza e della resistenza alla velocità. Il lavoro può essere protratto da 45 a 120 secondi circa.

Tesina maturità sulla resistenza

LA RESISTENZA FISICA NELLA CORSA

Altre forme di resistenza:
-Resistenza alla forza: è la capacità dell’organismo di opporsi alla fatica in prestazioni con richiesta di forza prolungata nel tempo e con elevate esigenze  di resistenza locale;
-Resistenza alla velocità: è la capacità del muscolo di lavorare a lungo a velocità vicine a quelle massime di un soggetto. Può anche essere intesa come capacità di ripetere molti scatti in successione a brevi intervalli l’uno dall’altro.

Resistenza in fisica: appunti

I FATTORI DELLA RESISTENZA

I fattori fisiologici
I fattori fisiologici possono dipendere da componenti centrali, cioè dalla capacità di trasportare molto ossigeno dai polmoni ai muscoli, e da componenti periferiche, che sono legate alla capacità di distribuzione del sangue ai muscoli più  impegnati.
Sono componenti centrali:
-L’efficienza dell’apparato respiratorio;
-Il contenuto nel sangue di ossigeno;
-Il contenuto nel sangue di fonti energetiche.
Sono componenti periferiche:
-La presenza di un’alta percentuale di fibre nei muscoli impiegati;
-Il livello di vascolarizzazione muscolare: più capillari riforniscono un fibra, più ossigeno potrà essere impiegato;
-La capacità di assorbimento e di sfruttamento dell’ossigeno, che dipende dal numero di mitocondri e dalla funzionalità enzimatica;
-La capacità di immagazzinamento e trasformazione delle fonti energetiche.