Sci alpino: tesina di educazione fisica

Appunto inviato da maxgibo98
/5

Lo sci alpino: tesina sulle tecniche e le diverse discipline (3 pagine formato doc)

SCI ALPINO: TESINA DI EDUCAZIONE FISICA

Lo sci alpino: tesina.

Lo sci alpino è uno sport invernale praticato in montagna. Consiste nello scendere a valle per un pendio con un paio di sci. Oltre agli sci c'è bisogno degli attacchi, degli scarponi e delle racchette.
Alla nascita di questo sport per scendere si usavano della tavole in legno con la punta incurvata verso l'alto poi, con il passare degli anni, gli sci si sono modificati fino ad arrivare ad oggi in cui i materiali sono tecnologicamente avanzati. E così vale anche per lo stile che oggi è molto diverso rispetto ad una volta.
Ci sono molte discipline dello sci alpino:
•    slalom speciale;
•    slalom gigante;
•    super gigante;
•    discesa libera;
•    freestyle.

La storia dello snowboard: tesina


STORIA DELLO SCI

Gli sci.

Gli sci di oggi sono composti da una soletta, una lamina e una lastra di legno o di microfibra.
La soletta è la parte a contatto con la neve, è di materiale sintetico e si rovina a contatto con i sassi. Più liscia è e minore è l’attrito dello sci sulla neve, quindi gli sci corrono di più. Ai fianchi dello sci c'è una lamina di acciaio: essa consente allo sci di “carvare” cioè tenere bene aderenza sullo spigolo e non scivolare in curva. La parte dello sci a contatto con la neve non è perfettamente piana ma è un po' curva per permettere di curvare. L'interno dello sci, cioè la parte che non si vede, è formata da una lastra di legno o di microfibra pieghevoli per permettere la deformazione durante l'uso. La parte sopra dello sci è l'estetica dove ci sono scritti la marca, il raggio della curva, la lunghezza e altri particolari dello sci.

Tesina sullo sci di fondo


LO SCI COME SPORT

Gli Atomic e i Salomon hanno la stessa struttura perché hanno un contratto che l'Atomic produce gli sci per entrambi e la Salomon produce gli attacchi. Essi sono dotati, sulla parte superiore, di  una lastra di carbonio che garantisce un'immediata reazione alla fine della curva. Questi sci vengono chiamati D2 (double deck) e sono più cari degli altri ma, anche perché sono quelli che ho io, per me sono i migliori. Gli sci sono di varie misure a seconda della specialità, dell'uso e dalla corporatura dell'atleta.
SLALOM SPECIALE
Nello slalom speciale si utilizzano sci corti perchè il tracciato (percorso) da eseguire è a curve strette cioè caratterizzato da cambi netti di direzione. I pali sono singoli, senza bandierina e di colore rosso e blu (rispettivamente per le curve a destra e a sinistra). Durante il tracciato possono esserci delle figure come lunghe, doppie, triple e quadruple. Le lunghe sono due pali a una distanza di circa due metri dove bisogna fare una curva unica chiudendola sul palo più a valle. Una doppia, una tripla e una quadrupla sono dei pali doppi messi una, due o tre volte (a seconda se si parla di doppi, di tripla o di quadrupla) dove non bisogna fare una vera e propria curva ma bisogna fare delle curve sempre con le punte in giù. E' una disciplina molto tecnica dove il minimo errore si paga caro. In una gara di questa disciplina si svolgono due manche. Per passare alla seconda bisogna aver svolto la prima arrivando al traguardo senza irregolarità cioè senza aver saltato nessuna porta.