Le droghe e i loro effetti: tesina

Appunto inviato da antofanelli
/5

Tesina di educazione fisica sulle droghe e i loro effetti (4 pagine formato doc)

LE DROGHE E I LORO EFFETTI: TESINA

Gli effetti della droga.

Tutte le droghe sono potenziali veleni: possono infatti causare intossicazione acuta (overdose) o cronica (assuefazione e dipendenza). Analogamente a quanto avviene per alcune sostanze chimiche e per il veleno di certi serpenti, viene spontaneo pensare che possa esistere un antidoto. Non è così, invece; fatta eccezione per il naloxone, infatti, non esistono sostanze capaci di annullare gli effetti di una droga.
Questo dato non vuole spaventare inutilmente, ma spiegare il perché dei rari casi mortali e far riflettere sui rischi connessi all'abuso.

Tesina sugli effetti della droga


EFFETTI DELLA DROGA SUL CERVELLO

Per intossicazione acuta si intende l'ingestione (per inalazione, per bocca, per via endovenosa o tramite il fumo) di una dose eccessiva di una determinata sostanza. Quando ci si riferisce alle droghe, la "dose eccessiva" non corrisponde mai ad un valore ben preciso perché dipende da fattori variabili:
•    La massa corporea (cioè il peso) del soggetto
•    Il grado di tolleranza dell'organismo nei confronti di quella droga
•    L'effettiva quantità di droga (principio attivo) contenuta nella sostanza assunta
•    La quantità e qualità delle sostanze estranee (il taglio) presenti, che possono, a loro volta, essere tossiche
Quando si assume una overdose, gli effetti collaterali della droga in questione si manifestano tutti insieme e in maniera molto violenta. In assenza di un antidoto specifico, la crisi acuta continua finché l'organismo non ha eliminato tutta la sostanza tossica. Questo in linea teorica, nella pratica fortunatamente il medico può comunque intervenire con farmaci sintomatici, che alleviano i sintomi sgradevoli, e con medicinali o procedure che favoriscano una più rapida eliminazione della droga. Tutto ciò, naturalmente, presuppone che il soggetto si rivolga tempestivamente ad un pronto soccorso e che sappia che tipo di sostanza ha assunto.

Tesina di scienze sulla droga: definizione ed effetti


EFFETTI DELLE DROGHE SUL SISTEMA NERVOSO

L'intossicazione cronica deriva dall'uso continuo e prolungato di una determinata sostanza, nel caso delle droghe è quello che si definisce abuso. L'assunzione abituale di una droga fa sì che gli effetti tossici non siano immediatamente evidenti, tuttavia i danni all'organismo ci sono e si sommano progressivamente fino a diventare gravi e, talvolta, generare lesioni irreversibili (non guaribili). Gli effetti da abuso protratto più noti sono la tolleranza e la dipendenza, che tuttavia si manifestano con intensità diverse per ogni singola droga e non necessariamente si presentano insieme.
Tolleranza o assuefazione: significa che l'organismo diventa meno sensibile agli effetti di una certa sostanza e, di conseguenza, per ottenere le stesse sensazioni è necessario aumentare la dose. Tutte le droghe, ma anche alcuni farmaci, il caffè, l'alcol e la nicotina inducono tolleranza. Aumentare la dose significa aumentare proporzionalmente anche gli effetti tossici e, talora, anche gli effetti collaterali. L'amfetamina e i suoi derivati, ad esempio, producono eccitazione, euforia, sensazione di benessere ma anche insonnia e cefalea. La tolleranza a queste sostanze si instaura nei confronti degli effetti piacevoli ma non di quelli negativi, che perciò divengono più intensi al crescere delle dosi.

Droga: definizione ed effetti


EFFETTI DELLA DROGA PRIMA O DOPO

Il fenomeno della tolleranza insorge dopo un certo periodo di tempo, che varia per ogni singola droga; generalizzando si può dire che le sostanze a breve durata d'azione danno assuefazione in tempi molto brevi (giorni), mentre quelle il cui effetto dura più a lungo richiedono alcune settimane prima che l'organismo impari a "tollerarle".
Dipendenza: fisica e/o psicologica, è quell'insieme di meccanismi che costringono alla continua ricerca della droga. La componente psicologica è sempre presente, seppur con intensità variabile in base alla singola sostanza e alla durata dell'abuso. La dipendenza psicologica è una coazione a ripetere, cioè un impulso irresistibile a procurarsi nuovamente la droga per rivivere l'esperienza piacevole che essa ha procurato. Dal punto di vista mentale è uno stato comprensibile e anche superabile, con una buona dose di motivazione e forza di volontà.